I dü spusin i s’erun truadi suta ‘l süchè de nona Rušina

di Modesto Tonani

Armunia de prima man

Nel segn d’la tradision, lü l’era ‘n brau fiöl scampad a tropi ani de guera e de prešon, le ‘na spargiota de paìs fai sü ‘n d’la timidesa d’un suris, se cumpiva, ‘na duminica de mars, in riva ‘ la Müsa, suta la ‘Madona d’la buna cera’, quela ch’la sarà la forsa del destin de dü curin paisan campion d’la Gent de nüm… Suta la Culumbina, Marieta e Giuanin i s’eru scambiadi ‘na prumesa: «Mi pias müs tò, ti pias müs mè!?»Dal prim suris cargad de remision e puesia, partìs la nosta storia, piena de incerti, sacrifisi, patimenti e nustalgia… Ѐl prim de mag del ’47, festa d’i lauraduri, un’ucasion mai pü prupisia, i dü spusin i s’erun truadi suta ‘l süchè de nona

Rušina p’r un mesdì mis šu ‘n d’un taul cargad de buna armunia, fidücia e vöja de nuità siamesesia. Da la strenciöla del spunsal partiva ‘na biga pruletaria cun sü Giuanin pipeta, la spuša cun la sò cadrega e ‘n qual bisigul per mangià no ‘n pé pugiadi ‘n costa ‘l tagul. A sira negra se cumpiva ‘l sogn che ‘l m’avares parlad de tanta vita agra e cumpasion: gh’era ‘mò tüt da fà e gnamò gnent a lö, rivevem da na guera scarusa la sò part e l’an adré fea ugialina ‘l prim büt d’un giardin mai pü strüsiad… Giuanin l’era un artista, de quei ch’i credu ‘n d’un miracul, ch’i lotu p’r un’idea, ch’i smenu el necesari p’r el ben de tüti quanti, e gneva semper prima i olter, a cà se fea crušete ‘ cara grasia…

Marieta l’era ‘na mama premürusa, ativa ‘n d’la parochia e fiöla de tanti libri cumpagn del sò prufeta; ma tra ‘n’Ave Maria e un Paternoster, l’er semper püsè dificil met d’acordi la fam cu’l solit mursel de pan cundid de bei prugeti, sura tüt quan le buche i eru diventade du volte parie ‘ la cumpagnia d’i quater ef l’era semper de scapada ‘n mes a l’antegh…

E men che men, Giuanin marengon, urtulan, inventur, capolega e strapason el feva tüti ‘ dì ‘l miracul de salvà la verša, la cavra e’l lu. Bandiera rusa lü e Famiglia Cristiana le, Cirlin dal pes la ‘ndeva un po’ da le suore e un po’ cu’l papà ‘ dà via el nümer d’la duminica d’l’Ünità, ‘n d’le cà d’le pore gent ch’i sevu pü a chi cred, ai basabalaüstra o a quei rabiusi cun tüs cos… e men che men, Giuanin el gh’eva nel cilinder una bela rešon: gh’er scuša la riseta de quel che gh’à da vegn, un po’ de remision per le sò gent da rispetà e tratà da galantom.

Per Marieta ‘Quel che Diu vör l’era mai trop’ e citu musca perché ‘per nüm puvrin viu e patì l’è cara grasia’, e ‘guai levà la testa’, ‘ndeva ben insì, cumpagn d’i olter, sensa stò gran ciüciüm’… Föra d’matafia, la mè Cirlin dal pes, cun la sò belità de fas’nu na reson, i a rüscheva almen ‘na volta ‘l dì in unur del mund… Ma ‘n cò d’una stagion mai pü avara, nel ’59 la mama la se ‘mala: cumencia un temp de remision in forsa d’l’ünica risursa de cà nosta: la famiglia slargada. Sichè, la Marieta, semper cunfencia, la perd ogni speransa de dubigà tüs cos nel segn d’la tradision d’la gent de nüm… e men che men, in ch’i ani là, vün che penseva cun la sò testa l’era ‘n luch, chi cercheva de fas valè l’era un disunest e chi ‘ndeva cuntra la regula, un suversiv da met al band.

Nel menter, Cirlin dal pes la diventa ‘na bela crucerusina, semp’r in cuntumbula cun la mameta che vör savegh’nu no de mulà ‘l mas, fin a scunfund el cambiament che benedis le cà d’le pore gent cun l’ültima truada d’un qual balabiut ch’l’à mis amò ‘na volta el car davanti ai bö, o ciel aiüt… E men che men, anca ‘n d’le tante viende de cà nosta, cun tüt che ‘ndeva semper ne la stesa menda, nel cör triunfa la pasion p’r un genitur ch’l’à fai an lü quel ch’l’à pudüd, nel segn d’una mision che parla drita ‘l sentiment quan se ricorda caragnenda d’i bei mumenti pasadi in una stansa d’uspedal despart dal let ch’l’à vist la mama inferma lumentas de pudè pü fà quel ch’la cusciensa la dispensa…

L’era š’lada la stansa, Cirlin dal pes, scuša ‘puš a ‘na tenda, la sculta cun pasion e riverensa mama Maria ch’la spasa e la canta:

- Firense sogna – cun una vuš che nempis el cör de lüs e puesia che maguna… la fiulina la piang, cu’n slans la cur incuntra ‘l sogn che slarga i brasi al mund in un trasport che smorsa ‘l fiad amò ‘nca ‘des… Per parlà no del sogn pruibid de cur in del leton, sculdas ne l’armunia d’un corp amad e brasà sü la gioia che perduna ogni pecad… e, men che men, bagna de lacrime le tuaje bianche d’la dota d’la spušina ch’la cur incuntra ‘l sò destin ogni matina… Ciau, mama de tüti nüm, te portem nel nost cör cun tüt el nost rispèt e vegnem a truat tegnendes suta bras…

Amen

Marieta e Giuanin pipeta

tino.vet@libero.it

I DUE SPOSINI SI ERANO RIUNITI SOTTO LA ZUCCAIA DI NONNA ROSINA
(traduzione letterale)

Nel segno della tradizione, lui era un bravo ragazzo scampato a troppi anni di guerra e di prigionia, lei una bellezza di paese avvolta nella timidezza di un sorriso, si compiva, una domenica di marzo, in riva alla Muzza, sotto la ‘Madonna della buona accoglienza’, quella che sarà la forza del destino di due cuoricini contadini campioni della nostra gente... Sotto la Colombina, Marietta e Giovannino si erano scambiati una promessa: «Tu a me piaci, a te piaccio io?!»

Dal primo sorriso intriso di compassione e poesia, parte la nostra storia, piena di contrattempi, sacrifici, patimenti e nostalgia... Il primo maggio del ‘47, festa dei lavoratori, un’occasione assai propizia, i due sposini si erano riuniti sotto la zuccaia di nonna Rosina per un pranzo di nozze imbandito sopra un tavolo pervaso di buona armonia, fiducia e voglia di novità comunque andasse... Dalla strettoia dello sponsale partiva una bicicletta proletaria con Giovannino pipetta, la sposa con la sua seggiola e qualche suppellettile per non mangiare in piedi appoggiati al tavolo. All’imbrunire si compiva il sogno che ci avrebbe parlato di tanta vita agra e remissione: era tutto in fieri, arrivavamo da una guerra disastrosa e l’anno seguente faceva l’occhiolino il primo germoglio di un giardino viepiù immiserito… Giovannino era un artista, di quelli che credono in un miracolo, che lottano per un’idea, che smenano il necessario per il bene comune, e venivano sempre prima gli altri, a casa si digiunava e cara grazia...

Marietta era una mamma premurosa, attiva nella parrocchia e figlia di tanti libri, al pari del suo profeta; ma tra un’Ave Maria e un Paternoster, era sempre più difficile mettere d’accordo la fame col solito morsello di pane condito di bei progetti, soprattutto quando le bocche erano diventate due volte pari e la compagnia delle 4 f era sempre di scappata nell’androne...

E nondimeno, Giovannino, falegname, ortolano, inventore, capolega ed avventizio, faceva tutti i giorni il miracolo di salvare la verza, la capra ed il lupo. Bandiera rossa lui e Famiglia Cristiana lei, Cirlin dal pes andava un po’ dalle suore è un po’ col papà a distribuire il numero della domenica dall’Unità, nelle case della povera gente che non sapeva più a chi credere, ai baciapile o a quelli arrabbiati col mondo… e nondimeno, Giovannino aveva nel cilindro una bella motivazione: c’era nascosta la ricetta di come sarebbe andata, un po’ di pietà per la sua gente da rispettare e trattare da galantuomo.

Per Marietta, rassegnarsi in buon ordine, e tutti zitti, perché per noi poveretti vivere e patire è quel che ci tocca, e guai alzar la testa, andava bene così, tutti uguali, senza pretesa alcuna... Fuor di metafora, la mia Cirlin dal pes, con la sua capacità di farsene una ragione, le prendeva almeno una volta al giorno in onor del mondo… Ma alla fine di una stagione particolarmente avara, nel ‘59 la mamma si ammala: comincia un tempo di rinunce in funzione dell’unica risorsa di casa nostra: la famiglia allargata. Pertanto, la Marietta, sempre malaticcia, perde ogni speranza di sistemare tutto nel segno della nostra tradizione... e nondimeno, in quegli anni, uno che pensava con la propria testa era un matto, chi cercava di imporsi un disonesto e chi andava contro la regola un sovversivo da mettere al bando.

Nel frattempo, Cirlin diventa una bella crocerossina, sempre in conflitto con la mammetta che non vuol saperne di cedere e convincersi, fino a confondere il cambiamento che benedice le case della povera gente con l’ultima trovata di qualche avventuriero che ha messo di bel nuovo il carro davanti ai buoi, o cielo aiuto…

E nondimeno, anche nelle tante vicende di casa nostra, con tutto che andava sempre nella stessa guisa, nel cuore trionfa la passione per un genitore che ha fatto quello che ha potuto, nel segno di una missione che parla dritta al cuore quando si ricordano piangendo i bei momenti trascorso in una stanza ospedale al capezzale che ha visto la mamma inferma lamentarsi di non poter più fare quello che la coscienza di una genitrice dispensava...

Era fredda la stanza, Cirlin dal pes, nascosta dietro la tenda, ascolta con passione e riverenza mamma Maria che sfaccenda e canta:

- Firenze sogna – con una voce che riempie il cuore di luce e poesia che magona... la bimba piange, con uno slancio corre incontro al sogno che allarga le braccia al mondo in un trasporto che mozza il fiato ancora adesso... Per non parlare del sogno proibito di correre nel lettone, scaldarsi nell’armonia di un corpo amato e abbracciare la gioia che perdona ogni peccato... e nondimeno, bagna di lacrime le tovaglie bianche della dote della sposina che corre incontro al suo destino ogni mattina…

Ciao, mamma di tutti noi, ti portiamo nel nostro cuore con tutto il nostro rispetto e veniamo a trovarti tenendoci sottobraccio... Amen.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.