La culùmba, l’agnèl, i öude ciuculàt cun le surpréŝè

La culùmba, l’agnèl, i öu de ciuculàt cun le surpréŝè

di Maddalena Negri

E pö dìŝi: Madaléna, ‘sa vöt savè ti che ròba la Madòna la gh’à da fà! La Mort l’è ligàda a la Vìta; el Dulùr l’è un mistéro…. E le guère e l’òdio e l’ingiustìsia e l’egoiŝmo? Me fèrmi; tròpi perché; son descùnsa; me sénti trop picinìna; sbàsi la tésta e me cùci viŝìn al cör d’la Màma: “Pénsogh Ti”.

Cambiém discùrs se no fò disturbà ànca viàltri. Tàme i pasàd la Pasqua? Nüm bén; ém festegiàd la Risuresiòn del Signùr in cà cun fiöi e neùdi. Ém gudüd in famìlia la culùmba, l’agnèl, i öu de ciuculàt cun le surpréŝè. Che ròba gh’è de püssè bèl…. A l’impruìŝa che ventòn è vegnüd sü! Me sbat tüti i ant, cùri a francài. Adès ghe se vör pròpi ‘na pueŝìa che pàrla del vént.

Vént, pòrtom via.... // Incö gh’è un vént / ch’m’ fà pagüra / e Tubìa, el mè gatìn, / el me dögia apùŝ a l’us. / ’Na ventàda püsè fòrta la sbèrla / la finèstra d’la cuŝìna, / guàrdi föra: / tüt el mund l’è in muimént. / Maria la slàrga / i pàgni d’la bügàda / e la cànta: / “Vént, pòrtom vìa cun ti”. / Un garŝòn el rànca / su ‘na végia biciclèta, / el cur adré al capél / ch’el scàpa vìa … cul vént. / I ràmi del sàloŝ in giardìn / i dundùlun tàme fiöi in basigaröla, / el pèrsogh el sparpàia fiüri dapertüt: / l’ària e l’ort i èn tüti ròŝa. / El stermìsi èl m’è pasàd, / el vént l’è ‘n amìŝ schersadùr, / ghe piaŝ fà / quàtor sàlti in cumpagnìa. / “Vént, pòrtom via cun ti” / … sàri i òci / me par pròpi da vulà. //

Quànd gh’è ‘l vént me végn in mént sémpor me màma, Maria; a lé ghe piaŝèva el vént e la cantèva “Vento, portami via con te”. Ò ciapàd da lé, ànca a mi me piàŝ el vént, el me mét alegrìa, vöia da cùrogh adrè e vulà. Adès el vént el s’è chietàd e par ch’el mund el se sìa fermàd. Che silénsio! Fò mìga in témp a dil che “driiiin”, ‘na scampanelàda da dì no. Rìva i neùdi da scòla: “Nona, che vént è vegnüd! Riesìvom no a mandà avànti la biciclètta perché el ne tirèva indré”. I gh’àn i puméi rùssi vernighénti, el vént i à culurìdi, i èn amò püssè bèi.

Maddalena Negri - Casalpusterlengo

LA COLOMBA, L’AGNELLO, LE UOVA DI CIOCCOLATO CON LE SORPRESE
(traduzione letterale)

Siamo arrivati in Maggio, il mese dedicato alla Madonna e mi viene voglia di rivolgermi a Lei per pregarla di aiutarci a risolvere un po’ dei problemi che gli uomini non riescono a risolvere, anzi buttano in piedi confusioni da non dire. Mi viene in mente la cattedrale Notre Dame di Parigi che è mezza bruciata e penso: la Madonna non si è data molto da fare per fermare il fuoco scoppiato nella chiesa a Lei dedicata perché è più indaffarata con gli uomini. Infatti, meno male, nessuno è morto nella cattedrale. Anzi, alla televisione hanno detto che hanno trovato un nido di api sul soffitto e le api erano vive. Buon per loro. Subito dopo penso: e i tanti cristiani che sono stati uccisi il giorno di Pasqua in chiesa nello Sri Lanka intanto che stavano pregando? La Madonna non poteva salvarli e far bruciare le chiese? E poi dico: Maddalena, cosa vuoi sapere tu cosa la Madonna deve fare! La Morte è legata alla vita; il Dolore è un mistero… E le guerre e l’odio e l’ingiustizia e l’egoismo? Mi fermo; troppi perché; sono turbata; mi sento troppo piccola; abbasso la testa e mi corico vicino al cuore della Madonna : “Pensaci Tu”.

Cambiamo discorso altrimenti faccio disturbare anche voi. Come avete passato la Pasqua? Noi bene; abbiamo festeggiato la Resurrezione del Signore in casa con figli e nipoti. Abbiamo gustato in famiglia la colomba, l’agnello, le uova di cioccolato con le sorprese. Cosa c’è di più bello?....

All’improvviso che vento forte si è levato! Mi sbattono tutte le ante, corro a fermarle. Adesso ci vuole proprio una poesia che parla del vento.

Vento, portami via..... // Oggi c’è un vento che mi fa paura / e Tobia, il mio gattino, / mi adocchia dietro l’uscio. / Una ventata più forte spalanca / la finestra della cucina, / guardo fuori: / tutto il mondo è in movimento. / Maria stende / i panni del bucato / e canta: / “Vento, portami via con te”. / Un garzone arranca / su una vecchia bicicletta/ rincorre il cappello / che scappa via… col vento. / I rami del salice in giardino / dondolano come bimbi in altalena, / il pesco sparge fiori dappertutto / l’aria e l’orto sono tutti rosa. / Lo spavento mi è passato, / il vento è un amico / buontempone, / gli piace fare / quattro salti in compagnia. / “Vento, portami via con te” / … chiudo gli occhi / mi sembra proprio di volare.

Quando c’è il vento mi viene sempre in mente mia mamma, Maria; a lei piaceva il vento e cantava: “Vento, portami via con te”. Ho preso da lei, anche a me piace il vento, mi mette allegra, voglia di correre con lui e volare. Adesso il vento si è calmato e pare che il mondo si sia fermato. Che silenzio! Non faccio in tempo a dirlo che “driiiin”, una scampanellata da non dire. Arrivano i nipoti da scuola: “Nonna, che vento è venuto! Non riuscivamo a mandare avanti la bicicletta perché ci tirava indietro”. Hanno le guance rosse vermiglie, il vento le ha colorite, sono ancora più belli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.