Si sblocca la procedura, presto le nuove rotatorie
L’intersezione tra via Emilia e la strada provinciale 145 è stata spesso teatro di gravi incidenti

Si sblocca l’iter per le nuove rotatorie di San Rocco e Guardamiglio

Adesso manca solo l’ok di Anas, quindi partiranno i cantieri

Si sblocca il piano per la realizzazione delle due rotatorie all’innesto tra la provinciale 145 e la via Emilia a San Rocco al Porto e in corrispondenza dell’area produttiva tra la rotonda “Di Martino” e quella dell’A1 a Guardamiglio. Approvato nei giorni scorsi il “primo protocollo attuativo delle misure di natura territoriale-ambientale del protocollo d’intesa Auchan” tra la Provincia di Lodi e i Comuni di San Rocco e Guardamiglio, ora la palla passa ad Anas, che ha già partecipato ai tavoli tenutisi in questi mesi e deve solo validare l’intesa. Le opere rientrano nelle migliorie viabilistiche promesse da Auchan in relazione al raddoppio della galleria e all’apertura di un nuovo modulo commerciale a fianco dell’attuale ipermercato, e saranno quindi a costo zero per le amministrazioni locali.

La rotatoria all’intersezione tra la via Emilia e la provinciale 145 in direzione di Santo Stefano Lodigiano è per altro attesa da tempo: la pericolosità dell’incrocio infatti è testimoniata da numerosi incidenti avvenuti in quel punto, fra cui il mortale in cui ad aprile di un anno fa perse la vita il 56enne malerino Gianmario Barbazza.Una tragedia che la futura rotatoria punta a scongiurare, rendendo più sicuro l’innesto tanto per automobilisti e centauri che per i ciclisti, con la creazione di un collegamento ciclabile all’argine, laddove attualmente si è costretti a fare un lungo giro dietro l’Auchan.

Il compianto Gianmario Barbazza, scomparso in un incidente nell’aprile del 2018

Così, mentre si avvicina l’inaugurazione dei primi negozi nel nuovo modulo commerciale realizzato a fianco di Auchan, l’amministrazione comunale sanrocchina lancia il count down per la realizzazione dell’opera: «Per chi arriva in bicicletta ci sarà un attraversamento ciclo-pedonale e una rampa che porta sull’argine – spiega il sindaco Matteo Delfini, ottimista sull’avvio dei lavori -. Una volta arrivato l’ok di Anas, si comincia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.