Il primo bimbo nasce in dicembre, il suo gemello dopo sessanta giorni
I bambini lodigiani sono venuti al mondo all’ospedale San Gerardo di Monza Archivio

Il primo bimbo nasce in dicembre, il suo gemello dopo sessanta giorni

Un bimbo è nato nel 2018, l’altro nel 2019: una coppia di Lodi protagonista di un caso medico eccezionale

Alessandro e Andrea, due gemelli, due nuovi lodigiani nati grazie al coraggio del 41enne papà Sergio, impiegato di banca, e della 35enne mamma Lucia, che li ha partoriti al termine di una gravidanza sicuramente eccezionale, dove il primo dei fratelli è stato partorito al settimo mese di gravidanza, a dicembre, mentre il secondo è nato dopo 60 giorni, nel 2019.

Tutto è cominciato con una gravidanza tranquilla finché, a metà dicembre, Lucia ha iniziato ad avere gravi perdite ed è stata ricoverata al reparto di ostetricia dell’ospedale San Gerardo di Monza, in terapia intensiva. Lì, pochi giorni dopo, con una decisione rischiosa ma efficace del primario del reparto, è nato il primo dei due gemelli, Alessandro.

«Sarebbe stato forse meno rischioso effettuare un cesareo e far nascere subito entrambi i bambini prematuri - spiega ora la donna -. Il medico responsabile, però, ha optato per una scelta diversa, che di fatto non aveva precedenti sufficienti a delineare delle statistiche: ha scelto far nascere soltanto Alessandro, con un parto naturale, e di proseguire la gravidanza di Andrea».

«Ora siamo felici, stiamo vivendo giorni più sereni, perché di fatto sono stati due mesi difficili – racconta la mamma -. Io ero ricoverata in ostetricia, mio marito Sergio faceva spesso avanti e indietro da Lodi, per questioni di lavoro e familiari». Non si sa ancora, però, quando la famiglia potrà rientrare a Lodi: «Non vediamo l’ora di poter tornare a casa, fare una passeggiata insieme, tornare alla vita normale»...

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola giovedì 19

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.