Giro girotonto, càsca el mund, càsca la tèra, tüti ŝu in tèra

Giro girotonto, càsca el mund, càsca la tèra, tüti ŝu in tèra

di Maddalena Negri

Tàchi a parlà cun viàltri d’la sudisfasiòn ch’ò pruàd nel vèd tànti giùni manifestà per la cüra d’la Tèra. Tüt l’è partìd da la custànsa e da l’inteligénsa d’una fiuléta ŝvedéŝa de sédos àni, Greta Thunberg.

Bèle da quàlche méŝ, la và no a scòla al venerdì e la se mét davànti al Parlamént del so Paìŝ cun cartèi scrìti da lé per ricurdà ai gràndi el prubléma del cambiamént del clìma sül nost Pianéta, cambiamént che pòrta tànti guài. L’è no ròba da gnént; va de méŝ la vìta di òmi e d’la natüra supratüt p’r i àni che vegnarà.

I giùni i ne rüŝun sü perchè l’è a lur che ghém da lasà un Mund san e vivìbil. Ànca Papa Francesco el süta a parlà d’la respunsabilità che gh’ém da tégn da cünt la Natüra.

I legiüd la so Enciclica Laudato si’? L’è preghiéra e pràtica: un manuàl d‘istrusiòn per druà i bén che gh’ém a dispuŝisiòn n’la manéra püssè rispetùŝa e un ringrasiamént al Signùr ch’i à creàdi. Vöri p’rò god adès, supratüt, d’la belèsa di fiöi de tüti i Paìŝi del Mund impegnàdi in qualcòs de séri, e ‘sa gh’è püsè séri ch’ el Mund ch’i gavaràn da eredità? Me parìva che tüti ‘sti giùni, biànchi, néri, rùsi e giàldi, i se désun la man e i fésun un girotòndo inturn al mund ligàdi inséma da l’amùr per la Tèra e p’ri fradèi ch’i vivaràn cun lur ni àni che vegnarà.

Me àuguri pròpi ch’i fàsun no la fin che diŝ la filastròca: “Giro girotonto, càsca el mund, càsca la Tèra, tüti ŝu in tèra”. Starésom fréschi nüm e supratüt i starésun fréschi lur! No, no, sücedarà no el patatràc, la sperànsa i èn lur. Fòrsa fiöi, tirè sémpor i urèc a chi ve dà no da trà. Gh’ò ‘n’àltra bèla nutìsia ch’ò legiüd da quàlche part: in un condomìnio i àn fài ‘n’asemblèa; i àn parlàd sénsa tacà lit; i s’en cunusüdi püsè bén e i àn vist che quaidün (ansiàn, pensiunàdi) gh’à del témp lìbor ch’el sa no tàme pasà, méntre quaidün (famìglie cun fiulìn picinìn) gh’à no ‘l témp per fà tüt.

Si’ ‘s’àn decìŝ? Da scambiàs un po’ de témp: i nòni del tèrs piàn i uspiteràn i fiöi d’la famìlia del quàrt piàn quànd i végnun a cà da scòla, p’r un’uréta, (merénda cumpreŝa) fin a quànd végn a cà la màma dal laurà. Gh’è un om ansiàn un po’ malingambàd, che vìu in da per lü, i viŝìn al sàbot i ‘ndaràn a fagh la spéŝa per tüta la stemàna, insì i àltri dì el gh’à ‘péna d’andà föra a tö ‘l pan. I àn cuminciàd cun pòchi servìsi; par che adès ghe sìa ànca quaidün d’àltor ch’l’è ‘dré a urganiŝàs per dà e ricèu témp. Sperém ch’l’inisiatìva la gàbia da tacà;, püssè l’è inviàla. Sens’àltor l’è da cupià; i èn no ròbe mundiài, p’rò se pöd fà d’le ròbe ütili ànca nel picinìn. Sém amò luntàn da la Pasqua, ma fò a tüti i augüri püsè bèi per ùna giuiùŝa fèsta d’la Resuresiòn, in armunìa cul Creàto e cun l’Umanità. Buona Pasqua!

Maddalena Negri - Casalpusterlengo

GIRO GIRO TONDO, CASCA IL MONDO, CASCA LA TERRA, TUTTI GIÙ PER TERRA (traduzione letterale)

Comincio a parlare con voi della soddisfazione che ho provato nel vedere tanti giovani manifestare per la cura della Terra. Tutto è partito dalla costanza e dall’intelligenza d’una ragazzina svedese di sedici anni, Greta Thumberg.

Già da qualche mese non va a scuola il venerdì e si mette davanti al Parlamento del suo Paese con cartelli scritti da lei per ricordare ai grandi il problema del cambiamento del clima sul nostro Pianeta, cambiamento che porta tanti guai. Non è roba da niente; va di mezzo la vita degli uomini e della natura soprattutto per gli anni che verranno.

I giovani ci spronano perché è a loro che dobbiamo lasciare un Mondo sano e vivibile. Anche Papa Francesco continua a parlare della responsabilità che abbiamo di custodire la Natura. Avete letto la sua Enciclica Laudato si’? È preghiera e pratica: un manuale d’istruzioni per usare i beni che abbiamo a disposizione nella maniera più rispettosa e un ringraziamento al Signore che li ha creati. Voglio però godere adesso, soprattutto, della bellezza di ragazzi di tutti i Paesi del Mondo impegnati in qualcosa di serio, e cosa c’è di più serio che il Mondo che avranno da ereditare? Mi pareva che tutti questi giovani, bianchi, neri, rossi e gialli, si dessero la mano e facessero un girotondo intorno al mondo legati insieme dall’amore per la Terra e per i fratelli che vivranno con loro negli anni che verranno.

Mi auguro proprio che non facciano la fine che dice la filastrocca: “Giro giro tondo, casca il mondo, casca la Terra, tutti giù per terra”. Staremmo freschi noi e soprattutto starebbero freschi loro! No, no, non succederà il patatrac, la speranza sono loro. Forza ragazzi, tirate sempre le orecchie a chi non vi dà retta.

Ho un’altra bella notizia che ho letto da qualche parte: in un condominio hanno fatto un’assemblea; hanno parlato senza litigare; si sono conosciuti meglio e hanno visto che qualcuno (anziani, pensionati) ha del tempo libero che non sa come passare, mentre qualcuno (famiglie con bambini piccoli) non ha il tempo per fare tutto.

Sapete cosa hanno deciso? Di scambiarsi un po’ di tempo: i nonni del terzo piano ospiteranno i bambini della famiglia del quarto piano quando vengono a casa da scuola, per un’oretta, (merenda compresa), fino a quando torna la mamma dal lavoro. C’è un uomo anziano, non molto in gamba, che vive da solo, i vicini al sabato andranno a fargli la spesa per tutta la settimana, così gli altri giorni deve solo uscire per comperare il pane. Hanno cominciato con pochi servizi; pare che adesso ci sia qualcun altro che si sta organizzando per dare e ricevere tempo. Speriamo che l’iniziativa debba attaccare, più è cominciare. Senz’altro è da copiare; non sono cose mondiali, però si possono fare delle cose utili anche nel piccolo.

Siamo ancora lontani dalla Pasqua, ma faccio a tutti gli auguri più belli per una gioiosa festa della Resurrezione, in armonia col Creato e con l’Umanità. Buona Pasqua!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.