Studenti del Volta con le mani nella terra
Gli studenti del Volta, con quelli francesi e sloveni, hanno realizzato una serra “digitale” con un sistema di misurazione tecnologico dei parametri dell’aria e della terra

Studenti del Volta con le mani nella terra

I ragazzi hanno progettato una serra “digitale” con i compagni francesi e sloveni

Cristina Vercellone

Lodi

Con l’aiuto degli studenti del corso di meccanica hanno costruito una serra in giardino. Hanno seminato pomodori e insalate, poi hanno progettato un sistema tecnologico di misurazione di umidità, temperatura, ossigeno e anidride carbonica presenti all’interno. Gli studenti dell’istituto Volta, insieme ai compagni francesi e sloveni, a Lodi in questi giorni, una 40ina in tutto, hanno poi ideato un sistema di registrazione delle valutazioni scientifiche che, grazie a un software ad hoc, invierà i dati su una piattaforma consultabile contemporaneamente dagli studenti dei 3 paesi europei.

Il lavoro è stato coordinato dai professori Michele Rapuano, Alberto Gregori, Jean - Noèl Pédeutour, Stéphane Faraire, Romana Frankovic e Andreja Geiger. A mettere le mani “nella terra” e nei sistemi di misurazione digitale, sono stati gli alunni di II LSE e II G. La preside Luciana Tonarelli ha espresso parole di soddisfazione per un progetto che, oltre ad avere uno scopo didattico per gli studenti, ne ha uno culturale e sociale, sia per gli studenti che per i professori: «Grazie a questo Erasmus - commentano i professori - possiamo scambiarci le esperienze di insegnamento e migliorarci contemporaneamente». Nei prossimi mesi saranno gli alunni del Volta ad andare in Francia e in Slovenia. Il progetto poi si chiuderà a Lodi con un meeting dei professori.

I professori dei 3 paesi, coinvolti nel progetto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.