Presa banda di rapinatori: agiva nel Lodigiano e nel Sudmilano
Casale, la rapina alla Banca Centropadana

Presa banda di rapinatori: agiva nel Lodigiano e nel Sudmilano

I tre banditi sarebbero gli artefici degli assalti alla Banca Centropadana di Casale e al portavalori di Peschiera Borromeo

Tre siciliani, originari di Gela sono in stato di fermo quali iniziati del reato di rapina aggravata per l’assalto al portavalori di Peschiera e la rapina alla filiale di Casalpusterlengo della banca Centropadana. I carabinieri della compagnia di San Donato sono arrivati all’individuazione dei responsabili di questi e altri colpi dopo un esame attento delle immagini isolate dai sistemi di videosorveglianza. Sono state poste sotto sequestro anche le armi utilizzate nei raid.

Peschiera, la rapina al furgone portavalori: l’intervento degli artificieri con un robot

Grazie ai pedinamenti e agli appostamenti è stato individuato il covo della banda dove sono state trovate le armi utilizzate per commettere la rapina del 25 gennaio al portavalori: un fucile tipo doppietta a canne mozze, calibro 12, una pistola semiautomatica calibro 9X21, rubata nel 2013, una pistola Walther P99 calibro 40 con matricola abrasa, che si presume sia stata rubata alla guardia giurata, tre taser, sette cartucce calibro 12.

È emerso, inoltre, come il gruppo stesse pianificando, a seguito di numerosi sopralluoghi, alcune rapine in villa, ai danni di imprenditori, prevedendo anche di gambizzare le vittime con colpi d’arma da fuoco. A casa degli indagati sono stati trovati in totale circa 16mila euro, che gli inquirenti ritengono di provenienza illecita e i vestiti utilizzati per commettere le rapine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.