Na puléntìna cun al strachìn véc ad Croce, da lecàs i barbìŝ

Na puléntìna cun al strachìn véc ad Croce, da lecàs i barbìŝ

di Pino Pagani

A cà ‘d santìn tut’i dì pulénta. Mén che cinch’àni prim ca ‘l na salüdés e ca’l cumincés a fa’l sò ültìm viagét sü sta téra, ‘l siùr Santìn Bartulét, quand c’andèvum a truàl, ad sòlìt una volta a la smàna , na cünteva sü di particulàr d’la sò vita. Al na disèva, sa vurèvum e senža òblìgh, da ciapà buna nota ‘d tüt quél ca’l cüntèva-sü, intant ca la sò memoria l’èra amò vispa e gniamò falàda. Eco alura la furtüna d’avè ritruàd un foi ca èvi scrìt un marculdì, datàd sédos febràr dal dümìla e vündoŝ, quand ca’l nèva dit d’la pulénta e gniàgnéri.

As tratèva da rispùnd a ‘n’interugaŝiòn – lü, Santìn – püsè ad nuànt’ani fà, ca la maèstra “Tus’gòbia” (l’èra ‘na sculmàgna parchè al sò num e cugnùm al n’èva miga dìt): “Santino, cosa hai, mangiato oggi?” e mì sübot: “polénta, signora maestra”!

“E ‘nsì quasi tüt’ì dì. Mi – al n’eva dit, al siur Bartulét - ma vèrgugnèvi un briŝìn a ripét la sòlita rispòsta a la solita dumànda, fin a chè ‘m sòn stüfàd e un bèl dì, turnand a cà, in casìna a la Mülaŝàna, gl’ò dìt a mà Ingilìna c’la m’ha sügerìd una risposta divèrsa. Insì ‘l dì dopu quand ca la siura maestra l’agh fa la solita dumànda, lü, Santìn, senza spetà c’la f’ìnìs, al rispùnd sübot, bel prunt e a vuŝ alta: “ho mangiato il risotto, signora maestra”. Tüt sudìsf al sa ŝéta ‘l sò pòst in dal bànch.

La maestra “Tus’gòbia” c’l’èra miga dal tàrdi e l’èva capìd l’antìfuna l’agh dumànda amò: “Santino, quante fètte?”.

E lü ca’l sa sentit scupèrt, ciuè c’lèva cüntad-sü ‘na bàla, l’è d’ventàd bèl rus invèrnighént in fàcia, ma turnàd a cà l’ha cüntàd sü a mà Ingilìna ma j èrun àndài le robe a scola e sugütàd a mangià la pulénta, anca parchè gh’èra miga gnént d’àltor!

La pulénta, l’è ’n piàt par ca stagiòn chì difàti l’altor dì, mè fiol ca par necesità familiar in cà l’è adèt a la cüsìna, l’ha fai ‘na puléntìna tame sa déu, cun al strachìn véc’, quél ad Croce ‘d Casàl, da lecàs i barbìŝ, anca sa ghi ho pü.

Am ricordi, sempor a prupòsit ad la pulénta, d’avè legiüd in una qual part, ma prò sò pü due, ca l’è ‘na stagiòn ca cèrchém da mantégn la nosta cà bèla calda tame d’estad quand ca’s luméntém pr’al trop cald. Tame par dì ca’l piàt ad pulénta cun qualsiasi pitànsa l’è propi adàt a cunsümàs a tàula, miga prò tame ‘s fèva in casìna, in di témp indré c’a füria ‘d mangiala, gnèva la pelàgra. Furtünatamént incò ca malatìa chì la sa sént pü luminà. Mèi insì, nè. Na parlarém un’altra volta.

A prupòsit d’le gnagnere o gniagnerì tame ‘l n’eva dit al siur Bartulét, ghi da savè ca nal dialèt cudugnìn ma pensi anca in altor dialèt, gh’è di paròl ca’s trovun miga in un curispetìv in lengua italiana.

Par la vrità, gh’èvi prumés al nost amìs ca’m sarèsi mis a cercà ’l significàd di “gnagnieri” ma m’na som miga pü ricurdàd. Se un quaidun na savés al significàd ca’l m’la dìsa. Al ringràŝi in antìcip. Quant prima pénsi da duè fàla ‘na ricèrca anca parchè gh’è di altor paròl ca gh’ò scrìt in di apùnti ca i spétun ‘na rispòsta.

Quand g’ho cüntàd-sü al fàt a la mè amìsa Marìsa dal San Màrc, amisa ‘nca ‘d Santìn l’ha mà sügerìd un sò cèrgh ca’l d’ìs: “parla cun chi na sà e tràta cun chì gh’n’ha!”.

F’nìsom cal scrìt chì cun vüna d’le storiche spungiüde cun ‘na “punta da spìl” ca’l cumün amìs, Marcu Raja, sanfiuranìn, l’èva scrìt un brisìn ad pü d’una quind’žéna d’àni fà sü cal nòst giurnàl chì, al Citàdino: “la nòsta l’è ‘na sucietà unésta par finta e disunèsta par dabòn!”, c’am par ben la s’inserìs in dal discurs ca èvi fai surevìa.

Ciau né, a la pròsima!

Pinu Pagàn - cudugnìn

UNA POLENTINA CON LO STRACCHINO VECCHIO DI CROCE, DA LECCARSI I BAFFI (traduzione letterale dal dialetto codognino)

Men che 5 anni prima che ci salutasse e che cominciasse a fare il suo ultimo viaggetto su questa terra, il signor Santino Bertoletti quando andavamo a trovarlo, di solito una volta alla settimana, ci raccontava particolari della sua vita.

Ci diceva, se volevamo e senza obbligo, di prendere buona nota di tutto quello che raccontava, intanto che la sua memoria era ancora vispa e non ancora fallata. Ecco allora la fortuna d’avere trovato un foglio che avevo scritto un mercoledì, datato 16 febbraio del 2011, quando ci aveva detto della polenta e “gniagneri”.

Si trattava di rispondere a un’interrogazione – lui Santino – più di 90 anni fa, che la maestra “Tus’gòbia” (era un soprannome perché il suo nome e cognome non ce lo aveva detto): “Santino, cosa hai mangiato oggi?” e io subito: “Polenta, signora maestra”.

“E così quasi tutti i giorni . Io – ci aveva detto il signor Bertoletti – mi vergognavo un briciolino a ripetere la solita risposta alla solita domanda, fin che mi sono stancato e un bel giorno tornando a casa, in cascina alla Mulazzana, l’ ho detto a mamma Angelina che mi ha suggerito una risposta diversa. Così il giorno dopo quando la signora maestra gli fa la solita domanda, lui, Santino , senza attendere che finisca, risponde subito, bel pronto ed a voce alta: “ho mangiato il risotto, signora maestra!”. Tutto soddisfatto si siede al suo posto nel banco.

La maestra “Tus’gòbia” che era mica tarda ed aveva capito l’antifona gli domanda ancora: “Santino, quante fette?”

E lui che si era sentito scoperto, cioè aveva raccontato una frottola, è diventato bel rosso vermiglio in faccia, ma tornando a casa ha raccontato a mamma Angelina come erano andate le cose a scuola continuando a mangiare la polenta, anche perchè c’era mica niente d’altro!

La polenta è un piatto per questa stagione qui, infatti l’altro giorno, mio figlio che per necessità familiari in casa è addetto alla cucina, ha fatto una polentina come si deve, con lo stracchino vecchio, quello di Croce di Casale, da leccarsi i baffi, anche se non li ho più.

Mi ricordo, sempre a proposito della polenta, di avere letto in una qualche parte, ma però non so più dove, che è una stagione che cerchiamo di mantenere la nostra casa bella calda come d’estate quando che ci lamentiamo per il troppo caldo. Come per dire che il piatto di polenta con qualsiasi pietanza è proprio adatto a consumarsi a tavola, mica però come si faceva in cascina, nei tempi indietro che a furia di mangiarla, veniva la pellagra. Fortunatamente oggi questa malattia qui, non la si sente più nominare. Meglio così, nè. Ne parleremo un’altra volta.

A proposito delle “gnagnere o gniagneri” come ci aveva detto il signor Bertoletti, dovete sapere che nel dialetto codognino ma penso anche in altri dialetti, ci sono parole che non si trovano mica in un corrispettivo in lingua italiana

Per la verità, avevo promesso al nostro amico che mi sarei messo a cercare il significato di “gnagnieri” ma non me ne sono mica più ricordato Se qualcuno ne sapesse il significato me lo dica. Lo ringrazio in anticipo. Quanto prima penso di doverla fare una ricerca anche perché ci sono altre parole che ho scritto negli appunti che attendono una risposta.

Quando ho raccontato il fatto alla mia amica Marisa del San Marco, amica anche di Santino, mi ha suggerito uno dei suoi proverbi che dice: “parla con chi ne sa e tratta con chi ne ha”.

Finiamo questo scritto qui con una delle storiche punture con una “punta di spillo” che il comune amico, Marco Raja, sanfioranino, aveva scritto poco più d’una quindicina d’anni fa su questo nostro giornale qui, il Cittadino: “la nostra è una società onesta per finta e disonesta per davvero”, che mi pare bene si inserisca nel discorso che avevo fatto sopra.

Ciao, né, alla prossima!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.