Bullismo, studente denunciato: ricattava 13enne per le foto osé

Bullismo, minore denunciato: ricattava una 13enne per le foto osé

Lodi, un 15enne denunciato dalla polizia per estorsione e pornografia minorile

Davide Cagnola

Dovrà rispondere di reati molto gravi, estorsione e pornografia minorile, il ragazzo di 15 anni che avrebbe preso di mira una studentessa della scuola media Don Milani per alcune foto osé. L’intervento della polizia venerdì mattina nell’istituto di via Salvemini, a San Fereolo, ha portato alla luce una vicenda che fino a quel momento era del tutto sconosciuta sia agli insegnanti che alle forze dell’ordine e che aveva spinto una ragazzina di soli 13 anni, in preda alla disperazione, a un passo dal suicidio.

Ma riavvolgiamo il nastro degli eventi per capire cosa sia successo. Venerdì mattina una studentessa della Don Milani lascia un foglietto a una professoressa nel quale spiega quello che vuole fare e poi si dirige verso una finestra per gettarsi nel vuoto. Se volesse farlo davvero, o se fosse solo un estremo tentativo per attirare l’attenzione, non è chiaro.

La preside Stefania Menin

Fatto sta che i docenti la fermano in tempo, tramite la dirigente Stefania Menin avvertono il “112” e gli accertamenti della polizia (giunta inizialmente con due volanti e in seguito con la squadra mobile e la divisione anticrimine, che hanno preso in mano il caso) permettono di scoprire la verità. Ovvero che un ragazzo di poco più grande la ricattava da tempo, minacciando di far vedere ai suoi genitori certe sue foto osé (che lei stessa, un po’ ingenuamente, gli aveva girato tramite Whatsapp) se lei non gli avesse dato quello che le chiedeva, soldi o altro. Le stesse foto erano anche già circolate fra gli studenti della scuola e non solo, mettendola in grave imbarazzo.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola martedì 19 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.