Stop ai gas serra, studenti in piazza
Studenti in sciopero a Lodi (foto d’archivio)

Stop ai gas serra, studenti in piazza

Alunni in sciopero il 15 marzo per protestare contro i cambiamenti climatici

Cristina Vercellone

Lodi

Anche a Lodi studenti in piazza per il “Global climate strike”, una protesta mondiale contro le emissioni dei gas serra. I ragazzi delle superiori, del Lodigiano, si sono dati appuntamento venerdì 15 marzo, in piazza della Vittoria, a Lodi, dalle 12, alle 15. Sono attesi in tanti.

Gli eventi “FridaysForFuture” sono quasi ovunque nel mondo. Più di mille città in totale sono quelle registrate ad oggi sul sito internazionale di fridaysforfuture.org, ma le bandierine sulla mappa del pianeta continuano ad aumentare. Appoggio e adesioni arrivano da tantissime organizzazioni, ma il movimento continua a proclamarsi libero, senza padroni né partiti. E’ un movimento di giovani e giovanissimi. Scioperano dalla scuola perché è inutile studiare e formarsi per il futuro, se questo futuro non ci sarà.

La presidente della Lipu Anna Rondine Canzoneri ha fatto il giro delle scuole per promuovere l’iniziativa. I presidi delle superiori hanno dato l’ok ai loro studenti. Einaudi, Volta e Gandini stanno autorizzando gli alunni a scioperare per la manifestazione, appoggiando i principi dell’iniziativa. Gli insegnanti del Maffeo Vegio porteranno in piazza otto classi e anche Villa Igea sarà presente con i suoi alunni.

La prima a scioperare,a partire dal mese di agosto, contro i cambiamenti climatici, è stata la 16enne svedese Greta Thunberg. La manifestazione nasce dal suo appello. A Lodi, nell’aula magna del Verri, in via San Francesco, sempre venerdì 15 marzo, alle 21, si terrà un incontro intitolato “I cambiamenti del clima e l’accordo di Parigi”. Ad intervenire saranno il climatologo e glaciologo Valter Maggi e il docente di mitigazione dei cambiamenti climatici Stefano Caserini. A moderare la serata sarà Raffaella Ciceri .

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.