Una maxi logistica dell’abbigliamento si affaccia ai confini del Sudmilano
Uno dei tanti mezzi pesanti finiti fuori strada sulla Melegnano-Landriano: l’operatore privato è disposto a portanziare la viabilità

Una maxi logistica dell’abbigliamento si affaccia ai confini del Sudmilano

L’operatore Engineering 2K di Assago è disposto a sostenere i costi per l’ampliamento della Melegnano-Landriano

Una nuova maxi-logistica a confine tra Pavese e Sudmilano. Il Comune di Bascapè ha confermato il parere favorevole all’insediamento di un nuovo polo, pare destinato all’industria della moda e dell’abbigliamento, da 190mila metri quadrati al confine con Landriano. L’operazione porterà l’ampliamento della strada provinciale 165 Landriano-Melegnano dalla rotonda di Pairana fino alla rotatoria della Teem tra Cerro e Melegnano. L’atto con cui la settimana scorsa la giunta di Bascapè ha dato il suo assenso all’iniziativa apre il lungo iter che dovrà passare il vaglio delle conferenze di servizi e della verifica di impatto ambientale in sede regionale.

L’area su cui si insedierà la logistica è già destinata a produttiva negli strumenti urbanistici, tanto che cinque anni fa ci fu già un primo tentativo di insediamento logistico portato davanti dall’azienda Sib, Sviluppo Industriale di Bascapè, che ha sede a Lodi ed è controllata dalla famiglia Gallotta. Il progetto fu portato avanti per anni fino al no definitivo di Regione Lombardia, che in sede di valutazione di impatto ambientale contestò l’impatto paesaggistico e soprattutto il nodo viabilistico, con la strada 412 della Valtidone già soffocata dai camion che orbitano sulle numerose logistiche del comparto di Landriano.

«Nel vecchio progetto la criticità sottolineata da Regione Lombardia era relativa alla viabilità, elemento che oggi l’attore in campo è disponibile a superare» afferma il sindaco di Bascapè Emanuela Curti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.