Un asnin culur d’un portügal da purtà da la maestra bela

Un asnin culur d’un portügal da purtà da la maestra bela

di Modesto Tonani

Pica fort pica pià ca l’inverne ‘l casem vià; spunta mars dedré da l’èra, ven insà la primavera”.

Finiva le scorte ‘ madre natüra la ghe penseva cu’i primi früti d’la tera, nel menter i noni ‘n d’l’ort i sumenevu vita növa. Men che men “Pica fort pica pià ca l’inverne ‘l casem vià; spunta mars dedré da l’èra, ven insà la primavera”.

Finiva le scorte ‘ madre natüra la ghe penseva cu’i primi früti d’la tera, nel menter i noni ‘n d’l’ort i sumenevu vita növa. Men che men, a mercà, ‘n d’i campi e ‘n d’i nin del busch cumencieva l’aventüra: Cirlin del Bas, en pepertera tame la nona Rusina ch’la vangheva l’ort a mente serena, cu’l scusalin ligad en vita, du sgangerle storte che spunteva da suta la vestina früsta e ‘na sachela bianca ligada sü’l fianch sinister, avanti e ‘ndré da cà al busch, la cumencieva la bataglia cu’i bisaranè ch’i ghe fevu vegn la pel risa, le inguile negre ‘me ‘l fuin ch’i scapevu suta la fanga e le rane ch’i ghe stevu malament en d’le manine renghe; tüta trementa, i a meteva un po’ ‘n d’la sachela e’l rest nel scusalin che’l burbuteva tame ‘l fugon da fà bügada ‘n d’la curt basa ‘l lünedì matina.

A cà gh’era ‘l sigion cul fund pien d’erba per ricuvrà le prede mai pü lüghide ch’i saresu stai vendüde a 5 ghèi al chilo ‘n gir p’r el pais. – Gh’è ‘n aquirent… Sgangerla la ciapeva la sachela e cu’l caval de San Francesh la feva la cunsegna. En trames gh’era la mesa d’i fiöi, e pöӧ via ‘n’oltra volta per la mama, perché – Ogni erba ch’la guarda ‘n sü la gh’à la sò virtü. Dat aturn e guarda se gh’è che pöd ven bon per trà ‘n pe quaicos per sena, de buna lena, perché ‘quel che gh’è ‘n d’i campi l’è d’Idiu e d’i Santi’. A la malparada, pavarina p’r i puj, perché i dunej i ndevu ‘n cagheta; le pumpule, i šeti del papaver; i büti per la frütada cu’i urtis; la sicoria da fà cös, ‘mara ‘me ‘l tosegh ma cara grasia ‘n le.

- El Signur l’è ‘ndai in ciel ma i rimedi ‘ à lasadi ‘n tera: malva o malvon per le mart’lade sü’i didi da marengon, magari un po’ tubis o föra ‘me ‘n balcon; siropi gnan da dì, aqua e sal p’r el giradid, licuri cu’ la rüta per le gnole d’la festa da sira; cafè de sicoria cu’l limon p’r i fümi del lünedì matina; brudin e oli de ricin per desbrujà tüs cos e ries a fagh’la dì. Insuma, rimedi da cupà ‘n caval ma ‘n voga quan gh’era gnent a löӧ e gneva tüt al taj, tame le ungie da pelà l’aj. – Quel che gh’è ‘n vedrina l’è da vend, l’è no da tö, sichè, sacheti de sumensa e piantine prunte per la stagion, scundüdi cun gelusia ‘n d’le sachele nel cambarin d’i desideri, i fevu la virtü d’una stagion che ‘ndeva ‘ cumencià: magari, la dota p’r el lès che ‘l prufümeva le cà intant ch’i eru tüti a mesa granda da San Gaüdensi ‘ töӧ la perdunansa.

Föra d’le büsche, riveva ‘l dì d’i pulastrin, crumpadi ‘l lünedì matina al mercà d’Casal: spunteva ‘na scatula de scarpe cu’i büsi, ligada cu’ la corda, cun mes’ciadi ‘ndren dü pigutin, vün celest e vün rosa. – Curatè, curatè, fin ch’i perdevu no la tinta l’era ‘n calvari cumpagn del Golgota, cun du sgangerle mai sudesfe ch’i trutevu tüta la giurnada dré le pore bestie.

Ma ogni temp e el düra no tüt èl temp e la sira gh’era da ‘ndà ‘ fà l’erba p’r i dunej; l’er tua l’er mia, Cirlin dal pes, stünada, la ‘ndeva ‘n mes al camp e la turneva ‘ndré cu’l sach a strüsa e i denti nel pedagn, p’r el can del padron che’l ghe feva ved la stria amò prima d’l’ültima rulada per met in guisia ‘l diaul e l’aqua santa in tüta la cuntrada.

Fiöi de casina, mesa e dutrina, cu’ na maestra bela cume secunda mama, ‘na nona garbada cume balia e tüt èl rest da met in guisia. Ma ‘Sü la strada due se vör no ‘ndà, busügna cur’, e le stagion d’la vita i se ‘ngarbievu a uns a uns: l’insegnament el riveva semper da quei püsè grandi che, an lur per la canson de carneval, un po’ i ghe rivevu e un po’ i ghe rivaran.

E men che men, la sira ‘ cà gh’era Pierino, el prim büt rivad nel mund d’i vivi cargad de remision e d’amur p’r el sò crutin semp’r in afan. Sichè, ‘Manteneteli poveri e gnuranti’, l’ünica reson d’un mund che bicuscheva tra un Diu ved, Diu prued e ‘na saraca tacada ‘l trad, per la Cirlin dal pes, l’era ‘n pericul scungiürad.

Se cumencieva cu’l giögh d’i perché, se ‘ndeva ‘nnans cui tanti e pö e se finiva cu’i soliti scungiüri, pasenda p’r un ašnin culur d’un portügal da purtà ‘ scola da la maestra bela o ‘n casül che ‘n Talian el se scriveva ‘casullo’ cun du ele, cume ‘l brighela che gh’i a meteva ‘n fila per trala ‘n rid cu’la sò surelina semp’r in cuntumbula cu’l mund d’la cumpesina. Amur che’l se piegheva ‘pena ‘n stasion cu’l treno d’le set, due sensa ‘l sò Pierino la Šanšavrin, piulenda ‘me ‘n vedlin, la vureva turnà ‘ndré nel sò urtin. Un’idea d’armunia piena d’alegria e puesia, tame ‘l nost mund cargad de remision e simpatia, ‘na bela storia de gent che se vör ben, siamesesia.

Marieta e Giuanin pipeta

tino.vet@libero.it

UN ASINELLO COLORE ARANCIO DA PORTARE ALLA MAESTRA BELLA
(traduzione letterale)

Picchia forte picchia piano che l’inverno lo cacciamo; spunta marzo dietro l’aia, vieni avanti primavera.

Finivano le scorte e Madre Natura ci pensava coi primi frutti della terra, mentre i nonni nell’orto seminavano vita nuova. Nondimeno, a mercato, nei campi e nei nidi del bosco cominciava l’avventura: Cirlin dal Basso, a piedi scalzi come nonna Rosina che vangava l’orto a mente serena, col grembiulino legato in vita, due sgangerle storte che spuntavano di sotto la vestina sdrucita e un sacchetto bianco legato sul fianco sinistro, avanti e indietro da casa al bosco, cominciava la battaglia con le bisce d’acqua che le accapponavano la pelle, le anguille nere come faine che scappavano sotto il fango e le rane trattenute malamente nelle manine intirizzite; tremante, le metteva un po’ nella sacchetta e il resto nel grembiulino che borbottava come il caldaro per il bucato nella corte bassa il lunedì mattina.

A casa c’era un mastello col fondo erboso per ricoverare le prede pimpanti che sarebbero state vendute a 5 cents il chilo in giro per il paese. - C’è un acquirente... Sgangerla prendeva la sacchetta e col cavallo di San Francesco faceva la consegna. Nel bel mezzo c’era la messa per i ragazzi, e poi via un’altra volta per la mamma, perché - Ogni erba che guarda in sù ha la sua virtù. Datti una mossa e osserva se c’è qualcosa che può servire per rabberciare la cena, di buona lena, perché - Quello che c’è nel campi è di Dio e dei Santi. Men che meno, papaverina per i polli, perché i conigli andavano in diarrea; i germogli di papavero, i getti di luppolo selvatico per la frittata, la cicoria da far cuocere, amara come il veleno ma benvenuta essa pure.

- Il Signore è andato in cielo ma i rimedi li ha lasciati in terra: malva o malvone per le martellate sulle dita da falegname, magari un po’ allegro o fuori come un balcone; sciroppi improbabili, acqua e sale per il giradito, liquori con la ruta per le ciucche della domenica sera; caffè di cicoria col limone per i fumi del lunedì mattina; brodino e olio di ricino per sgorgare il tutto e andare avanti. Insomma, rimedi da accoppare un cavallo ma in voga quando non c’era altro e veniva tutto al taglio, come le unghie per pelare l’aglio. - Quello che c’è in vetrina è da vendere, non da comprare, pertanto, sacchetti di sementi e piantine pronte per la stagione, nascosti con gelosia nel ripostiglio dei desideri, facevano la virtù di una stagione che andava a cominciare: magari, la dote per il lesso che profumava le case mentre erano tutti a messa cantata da San Gaudenzio a prendere la Perdonanza.

Un po’ più in là, arrivava il giorno dei pulcini, comprati il lunedì mattina al mercato di Casale: spuntava una scatola di scarpe coi buchi, legata con la corda, con mescolati 2 pigotti, uno celeste e uno rosa. - Curatè, curatè, finché non perdevano la tinta era un calvario degno del Golgota, con due sgangerle mai rassegnate che trottavano tutta la giornata dietro le povere vittime.

Ma ‘Ogni tempo non dura tutto il tempo’ e la sera c’era d’andare a fare l’erba per i conigli. Nondimeno, Cirlin dal pes, ostinata, andava in mezzo al campo e tornava col sacco a strascico e i denti nella gonna, perché il cane del padrone le faceva vedere la strega in anticipo sull’ultima sgridata per mettere d’accordo il diavolo e l’acqua santa in tutta la contrada.

Ragazzi di cascina, messa e dottrina, con una maestra bella come seconda mamma, una nonna garbata come balia e tutto il resto da inventare. Ma ‘Sulla strada dove non si vuole andare bisogna correre’, e le stagioni della vita si ingarbugliavano sempre più: l’insegnamento arrivava sempre da quelli più grandi che, anche loro per la canzone di carnevale, un po’ ci arrivavano è un po’ ci sarebbero arrivati.

E nondimeno, la sera a casa c’era Pierino, il primo germoglio arrivato nel mondo dei vivi pervaso di remissione e d’amore per la sua piccolina sempre in affanno. Pertanto, ‘Manteneteli poveri ignoranti’, l’unica regola di un mondo altalenante tra un ‘Dio vede Dio provvede e una saracca legata al trave’, per la Cirlin dal pes, era un pericolo scongiurato.

Si cominciava col gioco dei perché, si continuava coi tanti e poi e si finiva coi soliti scongiuri, passando per un asinello colore di un’arancia da portare a scuola dalla maestra bella o un mestolo che in italiano si scriveva ‘casullo’ con due l, come il brighella che gliele metteva in fila per compiacere la sorellina sempre in contrasto col mondo della rassegnazione. Amore che si piegava solo in stazione col treno delle 7:00, dove, senza il suo Pierino, la piccola peste, piangendo come un vitello, voleva tornare nel suo orticello. Un’idea di armonia piena di allegria e poesia, come il nostro mondo intriso di pietà e simpatia, una bella storia di gente che si vuole bene, comunque sia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.