Arrivano i parcheggi a pagamento, niente abbonamenti per chi lavora
La rivoluzione dei parcheggi

Arrivano i parcheggi a pagamento, niente abbonamenti per chi lavora

La sperimentazione delle strisce blu a San Donato scatterà il 2 aprile

Rivoluzione alle porte per i parcheggi a San Donato. Il primo anno di sperimentazione della sosta a pagamento, che a San Donato entrerà in vigore il 2 aprile, non prevede abbonamenti per i pendolari che lavorano nei palazzi uffici di San Donato. I lavoratori che tutti i giorni raggiungono in macchina la città dell’Eni, dove sono insediati importanti gruppi industriali, nel caso in cui utilizzassero i posteggi delimitati dalle strisce blu spenderebbero in un anno un importo che orientativamente andrebbe da 1.500 a 2.400 euro, a seconda della collocazione dell’azienda per la quale lavorano.

In questa fase in cui stanno emergendo tutti i dettagli del piano sosta - a fronte del contratto che è stato firmato settimana scorsa tra il Comune e la società SIS Segnaletica Industriale Stradale che si è aggiudicata l’appalto -, emerge infatti che, rispetto ai 2.800 posti auto che diventeranno a pagamento, in alcune zone verrà applicata la tariffa giornaliera di 6 euro, che non è invece prevista in altre parti di San Donato come via Jannozzi, via Libertà, la zona della posta, il comparto di via Kennedy e via Triulziana.

L’assenza di tariffe forfettarie insomma farà inevitabilmente salire il conto della sosta. È confermato l’importo orario di un euro all’ora (nei giorni feriali dalle 8 alle 19 ) con la prima mezz’ora gratuita che richiederà comunque l’utilizzo del parcometro e che può essere utilizzata una sola volta al giorno. A breve comunque tutte le informazioni sulle tariffe saranno a disposizione sul sito Internet http://www.sispark.it/servizi/34-comune-di-san-donato-milanese-mi.html.

Il vicesindaco Gianfranco Ginelli e il sindaco Checchi

Il vice sindaco con delega alla mobillità Gianfranco Ginelli, pienamente convinto dei vantaggi per la città che produrrà il nuovo piano, spiega: «Nel nostro territorio arrivano ogni giorno 20 mila pendolari, una parte dei quali utilizza la macchina, e l’obiettivo è quello di incentivarli a spostarsi con i mezzi pubblici. Chi invece ha esigenze particolari di muoversi con l’auto può fare riferimento ai posteggi gratuiti, tenendo conto che San Donato ha disposizione 17mila posti auto, per poi coprire a piedi, con il bike sharing o con le navette aziendali il tragitto fino ai palazzi uffici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.