Ah, dü èti de müš pest i èn dü mucanas propi sü’l müš

Ah, dü èti de müš pest i èn dü mucanas propi sü’l müš

di Modesto Tonani

E ‘pena la stagion la se purteva ‘ bel, la biga pruletaria la frigneva nel curtil d’la nona mai pü gajarda ch’la se strenseva ‘l cör la sò Cirlin dal pes ch’la sgariva sü l’aseta tra ‘l manubrio e’l selin de Giuanin pipeta. E ‘n trè ‘l laurà del purteghet, la scola e la mama semper cunfencia, gh’er da bütà lüghid e met tüs cos a l’urden prima che sira negra la purtes cunfort a dü brasin cargadi de remision e d’legna verda. Se gneva grandi a la svelta, o, cume se dis, dunin de l’aj semp’r in cuntumbula ‘ntrè ‘l diaul e l’aqua santa. Cumpagn d’i besti, i giӧghi ‘ eru ‘n alenament a la cariera segnada de biulch, famèj, campè o strapason. Gh’era talment bisogn che de bisogn gh’n’era da vend e le stagion d’la vita i se curevu ‘dré sensa fà gnan parensa: crucerusina, mesa e dutrina, a scola da la maestra bela e a rubà l’erba p’r i dunei prima che ‘l gnes fusch, cu’i can ch’i ghe curevu ‘dré e rumpegh la vestina per ciapai sü l’ultima volta in cò d’una giurnada, almen per dagh’la vuncia ‘ tüta la cuntrada… L’era la nosta vita d’i primi ani sesanta, ‘n d’un mund guernad da fam e poca riverensa, due tüt riveva ‘l taj, sensa purtà cunfort o, men che men, suliev ‘n d’le cà ‘n filada, ‘ngrügnade tame bisöi de avie, per quant d’i volt parea de vegh d’i gravalon en d’la pabia, quan ‘n d’la curt basa s’ciupea ‘na guera p’r un qual tupich da met al sul quan piӧu o lüsis la galaverna; e al post d’la divusion gnea bune le candile d’i cari o la sfolcia magnana… Cun tüt che naseva, fiuriva, prufümeva, creseva, marüdeva, da suta ‘l pin a spetà l’urdin del fatur, partia d’le squadre de fantasmi, ch’i ‘ndevu al sò cun le uregie base e i gnevu ‘ndré scavisi, ma guai parlà de migliurà quaicos o met giüdisi…

E ‘n d’un mund fai a misüra, ‘ntrè ‘na saraca che pendeva dal trad, ‘na pucia cu’l galet quan gneva sagra e ‘na scurmagna piuüda da ‘n ciel semper pütost avar cu’ le mè pore gent ch’i se’mprestèvu dal prim barlüm fin a basura per fagh’la dì ‘n unur del mund, de Nost Signur e d’la sò Cara Mama, mancheva mai ‘na qual sfulceta o ‘n tir da pret per maestrà i fringuèi e tiràs sü‘l mural… E men che men, sem propi dal vilan, maester de truade ‘ armad d’una parlada s’ceta ‘me ‘l vin bon; sichè, un taja e medega de prima man, balòs cume ‘l sò mund fai de campagne verde ‘ Madunin, ruše piene ‘n barba e röde de mulin, lüghid ‘me ‘l pes che nöda ‘n d’i sò ciaveghin e sfaciad ‘me ‘l sul del meš de lüj quan el sufega de caldana o ‘me la galaverna ch’la s’cepa le piante ‘ la scunfund ‘dré Ada el nost presepi ludesan fai sü‘n d’la nev imaculada…

- Castigo ridendo mores: la matafia, el schèrs, la satira, el tir mancin, el pà che’l nüdriga ‘l sò nuel cume ‘na ciosa i pulastrin, la mà ch’la se ‘mpresta ‘l giӧgh sensa fà gnan parensa, in una part che ani adré mi riscrivi per sunà i mè strümenti… E me se slarga ‘l cör cume quan pensi a tanti bej mumenti d’una vita pasada ‘n vulada ‘ catà sü tante vitorie e tanti falimenti… ma semper prunti al giögh perché Gesü Bambin l’è sü l’altar e ‘l m’à fai cu’i ögi davanti…

Un dì pà Giuanin el gh’à dì a la sò Šanšavrin:

- Teršin, va dal butighè a tö dü èti de müš pest…

- De cursa, ma… de solit l’era lard per la minestra…

Da la butighera gh’era gent e Rӧšlin la s’èr piantada ‘n meš a l’antegh a gambe larghe ‘ man sü’i fianchi… riva la sò ura e la fà:

- Mè papà l’à dì da dam dü eti de müš pest…

Le regiure ‘ la butighera i fan buchin da rid, ma la risposta la riva saurida:

- Gh’n’ò pü, p’r encöӧ el m’è ‘ndai tüt, ve ‘ndré duman…

La Šansavrin, lüghida, l’eva mangiad la föja; a cà dal pà la stesa sulfa, buchin da rid cun la rincursa, ch’la fèva ‘ndà ‘mò püsè ‘n sciambula…

Ma‘l dì adré, stavolta cun la ciüfra, la se presenta ‘ la butighera semper püsè ‘n cuntumbula:

- Son gnüda, finalment, a tö i mè dü èti de müš pest…

E tüte le cumà, la butighera, el sò om, el sacrista che’l paseva da lì, tüti a rid ‘me mati… Gh’n’era pü per nisüna, dunin de l’aj, negra ‘me ‘n scurbat, l’è cursa ‘ cà du’ gh’era ‘l pà setad davanti a l’üs cu’l cadreghin, pruist a bela posta…

- L’è la lesion de vita püsè franca: mai fidàs de l’aparensa, sies pür d’la persuna püsè garbada che te vegna ‘renta…

Ah, dü èti de müš pest i èn una man de bianch, o, men che men, dü mucanas propi sü’l müš… tame dì, semp’r in matafia, vègh la pagela cumpagn d’un magatèl da met a lès ne la pignata cun la dota ‘n guisia…

Ciau Basaröj da la pelada lüstra… tra ‘n nigul e ‘n rag de sul, s’em misi anca stavolta ‘n bela mustra…

Marieta e Giuanin pipeta
tino.vet@libero.it

Ah, due etti di muso pesto sono due ceffoni in pieno viso (traduzione letterale)

Con il ritorno della buona stagione, la bici proletaria frignava nel cortile della nonna sempre risoluta che stringeva al cuore la sua Cirlin dal pes che smaniava tra il manubrio ed il sellino di Giovannino pipetta. E tra il lavoro di povero artigiano, la scuola e la mamma sempre malata, c’era da rimestarla e sistemare tutto prima che la tenebra portasse conforto a due piccole braccia angosciate e doloranti. Si cresceva alla svelta, o come si dice, donnine in erba sempre in bilico tra il diavolo e l’acquasanta. Come per gli animali, i giochi erano un allenamento alla carriera scontata di bifolco, famiglio, camparo o avventizio. C’era talmente bisogno che di bisogno ce n’era da vendere e le stagioni della vita si rincorrevano nell’indifferenza: crocerossina, messa e dottrina, a scuola dalla maestra bella e a rubare l’erba per i conigli prima del vespro, coi cani che la rincorrevano e le strappavano la vestina, per prenderle l’ultima volta in fine di giornata, per salvare la faccia con tutta la contrada... Era la nostra vita dei primi anni ‘60, in un mondo afflitto da fame e poca riverenza, dove tutto urgeva, senza portare conforto o, men che meno, sollievo nelle case a schiera, stipate come alveari, per quanto a volte la convivenza sembrava insostenibile, quando nella corte bassa scoppiava una rissa per qualche sciocchezza e al posto della devozione si usavano i pali dei carri o la roncola ricurva… Mentre tutto nasceva, fioriva, profumava, cresceva e maturava, da sotto il pino, in attesa degli ordini del fattore, partivano squadre di fantasmi che andavano al lavoro avviliti e tornavano piegati, ma guai parlare di migliorare qualcosa o mettere giudizio...

E in un mondo fatto a misura, tra una saracca che pendeva dal trave, una puccia col galletto quando veniva sagra e un soprannome piovuto da un cielo sempre piuttosto avaro con la mia povera gente, che si prestava dal primo barlume fino al calar del sole per sbarcare il lunario in onore del mondo, di Nostro Signore e della sua Cara Mamma, non mancava mai qualche burla o un tiro da prete per ammaestrare i fringuelli e tirarsi su il morale… E nondimeno, siamo proprio dal villano, maestro di trovate e armato di una parlata schietta come il vino buono; sicché, un improvvisatore di prima mano, arguto come il suo mondo fatto di campagne verdi e Madonnini, rogge piene in barba e ruote di mulini, vispo come il pesce che nuota nei suoi invasi e sfacciato come il sole del mese di luglio quando soffoca di calura o come la galaverna che spacca le piante e confonde lungo l’Adda il nostro presepe lodigiano avvolto nella neve immacolata…

- Castigo ridendo mores: la metafora, lo scherzo, la satira, il tiro mancino, il papà che nutre il suo cucciolo come una chioccia i suoi pulcini, la mamma che si presta al gioco senza scomporsi, in uno spartito che anni addietro io riscrivo per suonare i miei strumenti... E mi si apre il cuore, come quando penso a tanti bei momenti di una vita passata in volata a raccogliere tante vittorie e tanti fallimenti... ma sempre rilanciando, perché Gesù Bambino è sull’altare e ci ha fatti con gli occhi davanti...

Un giorno papà Giovannino aveva detto alla sua Giuggioletta:

- Teresina, vai dal bottegaio a comprare due etti di muso pesto...

- Di corsa, ma... di solito era lardo per la minestra...

Dalla bottegaia c’era gente e Rosellina si era piazzata nel bel mezzo dell’andito, a gambe larghe e mani sui fianchi... arriva il suo turno, e sbotta:

- Mio papà ha detto di darmi due etti di muso pesto...

Le massaie e la bottegaia abbozzano un sorriso, ma la risposta arriva salace:

- Non ne ho più, per oggi mi è andato tutto, torna domani...

la Mammoletta, spedita, aveva mangiato la foglia; a casa dal papà la stessa solfa, un sorriso con la rincorsa, che la faceva andare ancora più in ambasce...

Ma il giorno dopo, stavolta con la ‘cresta’, si presenta alla bottegaia sempre più bellicosa:

- Sono venuta, finalmente, a prendere i miei due etti di muso pesto…

E tutte le comari, la bottegaia, suo marito, il sacrista che passava di lì, tutti a ridere come matti... Non ce n’era per nessuno: donnino dell’aglio, nera come un corvo, era corsa a casa dove c’era il papà seduto davanti all’uscio col seggiolino, pronto a bella posta…

- Ѐ la lezione di vita più franca: mai fidarsi dell’apparenza, sia pure della persona più garbata che ti viene incontro...

Ah, due etti di muso pesto sono una ramanzina, o , nondimeno, due ceffoni proprio in pieno viso… come dire, sempre in metafora, avere la cartolina come un magatello da lessare nella pignatta con la ‘dote’ giusta…

Ciao Bassaioli dalla pelata lustra, tra una nube e un raggio di sole, anche stavolta ci siamo messi in bella mostra…

Marieta e Giuanin pipeta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.