Schianto fatale, “caso” archiviato La salma sarà portata in Romania
La scena dell’incidente avvenuto domenica sera

Era venuta in Italia per lavorare la vittima dello schianto di Caselle Lurani

Maricel Doroftei era impiegato da dieci anni all’azienda agricola Ariete

Davide Cagnola

Lavorava da dieci anni all’azienda agricola Ariete di Caselle Lurani, mentre in patria, in Romania, aveva lasciato la moglie e i due figli ancora in tenera età, da cui tornava appena poteva. La vittima dell’incidente avvenuto domenica sera a Caselle Lurani in via Bescapè è il 40enne Maricel Doroftei, morto praticamente sul colpo schiacciato fra la portiera del suo pick up e il terreno. La sua tragica morte è destinata però a restare senza una spiegazione certa, dato che la procura di Lodi ha deciso di non disporre l’autopsia sulla salma e di non eseguire ulteriori accertamenti sull’incidente.

La vittima Maricel Doroftei

Maricel Doroftei come detto lavorava e viveva da circa dieci anni presso l’azienda agricola Ariete di Caselle Lurani, lungo la strada comunale per Casaletto Lodigiano, azienda specializzata nell’allevamento di pecore, agnelli e montoni. Era uno degli addetti alla macellazione degli animali, anche in occasione della “festa del sacrificio” islamica, dato che questa azienda è una delle poche autorizzate a praticare questo particolare tipo di macellazione e ogni anno è meta di centinaia di musulmani da tutta la provincia e non solo. Con lui viveva e lavorava a Caselle Lurani anche il fratello, mentre il resto della famiglia, la moglie e i due figli, erano rimasti in Romania. E proprio nel suo Paese di origine sarà portata la salma, per il funerale e la sepoltura.

I titolari dell’azienda ieri hanno sbrigato tutte le pratiche, anche burocratiche, con i carabinieri della stazione di Sant’Angelo, incaricati dei rilievi, e dato che il procedimento è stato subito archiviato dal pm è probabile che già oggi avverrà il trasporto della salma, che nel frattempo è stata portata presso la camera mortuaria dell’ospedale di Lodi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.