Cantieri da evitare, troppi rischi per le bici: «Serve la segnaletica»
La staccionata divelta lungo la ciclabile Lodi-Boffalora

Cantieri in città: quanti rischi per i ciclisti

Ciclodi chiede più sicurezza e la questione sbarca anche in consiglio comunale

Uscendo dalla città c’è il problema del circuito per Boffalora, bloccato all’altezza della Cattedrale Vegetale e costellato di danni alla staccionata lungo numerosi tratti. Ma per i ciclisti lodigiani i disagi si annidano anche in città, dove i cantieri aperti costringono gli amanti delle due ruote a difficili (e rischiosi) slalom. Per questo Ciclodi torna a chiedere più sicurezza per chi viaggia in sella a una bici. E l’argomento è stato discusso anche in consiglio comunale, con un’interpellanza del consigliere comunale Stefano Caserini (110&Lodi).

La pista ciclabile del cavo Roggione chiusa

«Dopo le segnalazioni sul cantiere in via Castelfidardo, ma anche Belfagor e Porta Cremona, che oggi non ci sono più - spiega Giuseppe Mancini, presidente dell’associazione -, ora ci sono arrivate altre segnalazioni sul cantiere di viale Piacenza, che costringe le bici a spostarsi sulla sinistra, ritrovandosi quindi sulla strada». A essere carente, sostiene Ciclodi, è la segnaletica.

Nella lista di Ciclodi c’è anche la pista ciclabile chiusa in zona Capanno, lungo il cavo Roggione. In seguito alle segnalazioni di alcuni proprietari dei terreni che lamentavano il passaggio nella loro proprietà, il percorso è stato transennato. «Spiace vedere le piste chiuse, anche perché sono opere per cui sono stati spesi soldi - conclude Mancini -, in questo modo si perde la fruibilità del territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.