Ŝguièvom a tùrno e se furmèva d’le paserèle de giàs

di Maddalena Negri

Sém in febràr, l’è bèle finìd genàr cùi so mercànti d’la nöu (San Mauro, Marcello, Antonio, Bassiano); i èn bèle pasàdi i dì d’la mèrla e l’invèrn l’è adré a scürtàs. I mercànti i àn purtàd pòca mercansìa; da divèrsi àni le fiucàde i èn pütòst puréte.

Quànd sèri ‘na fiöla mi quànta nöu ‘rivèva! Quànt giügà a tiràrs adré le bàle, quànte sguiaröle fèvom nel curtìl de cà, d’la scòla e ànca in stràda.

Ŝguièvom a tùrno e se furmèva d’le paserèle de giàs, lϋstre e dϋre ‘me spégi, sémpor pϋssè lùnghe. Che divertimént! P’rò i èrun periculùŝe per le gàmbe nòstre e d’la gént che pasèva e alùra i gràndi i a quatèvun cun la sénor; ma al dì dòpu i a fèvom amò… e vìa a ŝgϋià!

Quànd me son spuŝàda, el vot de febràr del mìlanöucéntsessàntaquàtor (cinquàntacìnq àni fa), l’èra ‘na bèla giurnàda de sul e gh’èra tànta nöu in tèra ch’la brilèva tàme ‘na miniéra d’or, d’argént e diamànti.

Che regàl da lüso per el me spuŝalìsi! Incö gh’ém da cuntentàs d’la pòca che càsca dal cél, cun avarìsia. À dì la verità adès me cunténti vulentéra de pòca nöu, perchè la me dà un po’ fastìdi. Brrr che fréd! E se càschi? E se me s-cinchi ‘na gàmba?

P’rò la nöu l’è sémpor bèla: //… Coro sommesso di bassi / miriade di chierici in regale processione / scende la neve/ bianca liturgia / lenta / maestosa /immacolata… // Quànd i me neùdi i èrun picinìn, èvom töi ‘na slitìna e i sgüièvun sül scìvolo p’r àndà in cantìna, tàme i füdésun a Cortina.

Cùme i se divertìvun! Quànt sü e ŝu! Quànte ridàde! Quànti paléti n’la nöu! Gh’è vegnèva d’le guanciòte vernighénte ch’i brilèvun ànca lur. I vurèvun pü végn in cà. A la fin i a cunvincèvi cun ‘na bèla merénda de pan e nutèlla, dòpu avèi sügàdi e cambiàdi perché i èrun tüti maŝaràdi. Gnént rafredùr, i a scaldèva el calùr d’l’alegrìa. Adès ch’i èn gràndi i van a scià in muntàgna cun tùte e giàche a vénto firmàde e impermeàbili; i van sü e ŝu cui skilift, ma so no se s’la gòdun tàme sül scìvolo d’la cantìna.

Ni dì pasàdi è fiucàd e un pò de nöu l’è restàda in giardìn. Guàrdi föra d’la finèstra perché sénti un gaŝaghè de üŝlìn e védi ‘na vinténa de pasaròti, picinìn picinìn, ch’i bècun sü la nöu per cercà qualcòs da mangià e ch’ì giögun tüti inséma. Me par ch’i rìdun e ch’i se divertìsun tàme fèva i me neùdi. Vò in giardìn e ghe pòrti la merénda: briŝ de pan… sénsa nutèlla p’rò! I en pròpi bèi da véd e da sént.

Invéce me ŝénor Enrico el n’à mandàd, cun whatsApp, un filmàto d’ un brànco de lù ch’ì gìrun in méŝ a la nöu ni càmpi viŝìn a Ottone, un paéŝ del Piaŝentìn. Se capìs ch’i èn vegnüdi ŝu da la muntàgna perché i gh’àn fam. L’è un spetàcul che fà impresiòn: i lù i en sémpor lù!

De cert vo no a dagh la merénda, brrr che pagüra! La nöu, dòpu ‘na piuüda, la s’è deŝlenguàda; la belèsa la s’è vunciàda. Pecàd!

Maddalena Negri - Casalpusterlengo

SCIVOLAVAMO A TURNO E SI FORMAVANO DELLE PASSERELLE DI GHIACCIO
(traduzione letterale)

Siamo in febbraio, è già finito Gennaio coi suoi mercanti della neve (San Mauro, Marcello, Antonio, Bassiano); sono già passati i giorni della merla e l’inverno sta accorciandosi. I mercanti hanno portato poca mercanzia; da diversi anni le nevicate sono piuttosto povere. Quando ero una bambina io quanta neve arrivava! Quanto giocare a tirarsi le palle, quante scivolate facevamo nel cortile di casa, della scuola e anche in strada.

Scivolavamo a turno e si formavano delle passerelle di ghiaccio, lucide e dure come specchi, sempre più lunghe. Che divertimento! Però erano pericolose per le gambe nostre e della gente che passava e allora i grandi le coprivano con la cenere; ma il giorno dopo le facevamo ancora… e via a scivolare! Quando mi sono sposata, l’8 febbraio del 1964 (55 anni fa), era una bella giornata di sole e c’era tanta neve per terra che brillava come una miniera d’oro, d’argento e diamanti.

Che regalo da lusso per il mio matrimonio! Oggi dobbiamo accontentarci della poca che cade dal cielo, con avarizia. A dire la verità adesso mi accontento volentieri della poca neve, perché mi dà un po’ di preoccupazione. Brrr che freddo! E se cado? E se mi rompo una gamba?

Però la neve è sempre bella: //… Coro sommesso di bassi / miriade di chierici in regale processione / scende la neve/ bianca liturgia / lenta / maestosa /immacolata… //. Quando i nipoti erano piccoli avevamo comprato una slittina e sciavano sullo scivolo per andare in cantina, come fossero a Cortina.

Come si divertivano! Quanto su e giù! Quante risate! Quante cadute nella neve! A loro venivano delle guanciotte rosse che brillavano. Non volevano più venire in casa. Alla fine li convincevo con una bella merenda di pane e nutella, dopo averli asciugati e cambiati perché erano tutti bagnati. Niente raffreddore, li scaldava il calore dell’allegria. Adesso che sono grandi vanno a sciare in montagna con tute e giacche a vento firmate e impermeabili; vanno su e giù con gli skilift, ma non so se se la godono come sullo scivolo della cantina.

Nei giorni scorsi è nevicato e un po’ di neve è rimasta in giardino. Guardo fuori dalla finestra perché sento un cicaleccio di uccellini e vedo una ventina di passerotti, piccoli piccoli, che beccano sulla neve per cercare qualcosa da mangiare e che giocano tutti insieme. Mi pare che ridano e si divertano come facevano i miei nipoti. Vado in giardino e porto loro la merenda: briciole di pane… senza nutella però! Sono proprio belli da vedere e da sentire.

Invece mio genero Enrico ci ha mandato, tramite whatsApp, un filmato di un branco di lupi che girano in mezzo alla neve nei campi vicino a Ottone, un paese del Piacentino. Si capisce che sono venuti giù dalla montagna perché hanno fame. E’ uno spettacolo che fa impressione: i lupi sono sempre lupi!

Di certo non vado a dare loro la merenda, brr che paura! La neve, dopo una piovuta, si è liquefatta, la bellezza si è sporcata. Peccato!

© RIPRODUZIONE RISERVATA