Conto salato per aggiustare la Cattedrale vegetale
La Cattedrale vegetale di Lodi, realizzata lungo l’Adda: a terra alcune delle colonne crollate nei mesi scorsi

Conto salato per aggiustare la Cattedrale vegetale di Lodi

Consegnata la perizia sull’opera dell’artista Mauri, che resta chiusa per ragioni di sicurezza

Conto salato per la Cattedrale vegetale. Dopo il crollo di trenta colonne del “tempio naturale” pensato da Giuliano Mauri, la messa in sicurezza appare ora decisamente costosa. Una “grana” che la giunta Casanova sarà chiamata a risolvere. Una fotografia sullo stato dell’opera, realizzata tra il 2015 e il 2016 dal Broletto, è contenuta nella perizia tecnica che l’ingegnere Emilio Angelo Cesari di San Colombano al Lambro ha consegnato nelle scorse settimane in Broletto. Si tratta di una relazione molto corposa e dettagliata, che è stata redatta dopo diversi sopralluoghi in zona ex Sicc, analisi agronomiche e geologiche, come confermato ieri dal perito. Una delle prospettive emerse è come considerare la Cattedrale vegetale: se un’opera d’arte, concepita tutta in legno, e quindi soggetta al naturale ciclo della natura; oppure rivalutarla come una struttura, che dovrebbe rispettare determinati criteri di costruzione. In relazione alle due opzioni, cambierebbero costi e interventi che la giunta Casanova potrebbe mettere in campo.

Nel primo caso si tratterebbe di riprendere il progetto del compianto Mauri e ricollocare le colonne crollate (con spese che ricalcano il vecchio piano), mentre in altre ipotesi gli investimenti sarebbero molto ingenti. Diverse sono le ipotesi presentate da Cesari, che ufficialmente non sono ancora state divulgate.

Il perito ha fatto sapere che a fine mese incontrerà l’amministrazione comunale per presentare il suo lavoro. Ogni decisione sul futuro della cattedrale spetta però alla giunta Casanova, che dovrà aprire il portafoglio. Ad oggi non solo la maestosa opera è chiusa, ma rimane inutilizzabile la pista ciclabile che conduce a Boffalora d’Adda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.