Un’indagine interna all’ospedale dopo il decesso della bambina
L’ospedale Maggiore di Lodi

Aperta un’indagine interna all’ospedale dopo la morte di una bimba in sala parto

Il decesso della piccola di Vidardo è avvenuto il 23 dicembre all’ospedale Maggiore di Lodi

Ogni volta che si verifica una morte in sala parto l’evento viene segnalato al Ministero e l’Asst si attiva con un “audit” interno per fare chiarezza. Così è accaduto anche per la morte di una bambina di Vidardo, avvenuta il 23 dicembre scorso all’ospedale Maggiore di Lodi. L’audit è un’indagine interna per fare chiarezza: i medici e i vertici dell’Asst analizzano i fatti, come si sono svolti in corsia, chi è intervenuto, come si è mosso.

Intanto la famiglia ha presentato una denuncia in procura. L’intento dei genitori non è di mettere in croce gli operatori sanitari, semplicemente capire quanto è accaduto, fare chiarezza. Ad esprimere vicinanza alla famiglia, in questo momento di dolore, la scorsa settimana, era stato il sindaco di Vidardo Emma Perfetti.

Durante la gravidanza non c’erano stati problemi, tutto era andato per il verso giusto. Al momento del ricovero per il parto naturale, però, la situazione è precipitata: il tracciato ha incominciato a mostrare una situazione anomala. Per la piccola non c’è stato niente da fare; neanche i tentativi di intubare e rianimare la bimba da parte dei pediatri sono stati utili a salvarle la vita. In seguito alla denuncia, avviata per fare chiarezza, la bimba è stata sottoposta ad autopsia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.