Attivisti vegani davanti all’Inalca: «Stop alla macellazione animale»
La manifestazione contro la macellazione degli animali

Blitz degli attivisti vegani al macello Inalca di Ospedaletto

Una dozzina di manifestanti alla “veglia” che andrà avanti fino a domani

Gli attivisti vegani manifestano a Ospedaletto contro la macellazione. È iniziata ieri e andrà avanti fino a domani la “veglia pacifica” delle “Iene Vegane” e dell’organizzazione non violenta “The Save Movement” davanti ai cancelli dell’Inalca di Ospedaletto Lodigiano «per dire basta alla macellazione degli animali e sensibilizzare l’opinione pubblica».

Armati di soli cartelli inneggianti il veganesimo e raffiguranti i musi di suini e bovini immortalati dietro le sbarre dei camion, i vegani hanno esercitato la loro azione di disturbo invitando a riflettere per primi gli autotrasportatori, «vittime» a loro dire «di un sistema malato».

I manifestanti, una dozzina provenienti da Milano, Mantova, Prato e altre parti del Centro e Nord Italia, si sono dati appuntamento ieri alle 10 davanti alla multinazionale, e guardati a vista dai carabinieri e dalla polizia, hanno iniziato a fermare i camion carichi di bovini, fotografando gli animali destinati al macello. Ieri notte gli attivisti hanno dormito sui camper parcheggiati davanti all’Inalca e questa mattina hanno ripreso il sit-in accompagnato dal digiuno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.