La Lombardia mette un freno all’impiego dei fanghi nei campi
Spargimento di fanghi in una foto d’archivio

In nove comuni lodigiani arriva un freno allo spargimento di fanghi

Dove c’è concime animale a sufficienza non sarà più possibile farlo

La Regione Lombardia blocca lo spandimento dei fanghi nei territori di 170 Comuni lombardi. Sono nove quelli in provincia di Lodi: Abbadia Cerreto, Bertonico, Brembio, Castelgerundo, Corte Palasio, Maccastorna, Ospedaletto, Secugnago e Turano. Lo ha annunciato ieri l’assessore regionale all’Agricoltura Fabio Rolfi, che ha firmato il decreto in esecuzione di una legge regionale finora non applicata.

Ma non manca qualche ombra: «Pochi i Comuni lodigiani interessati dal divieto, e in generale in molti territori a divieto c’è già di fatto un blocco per la normativa nitrati, l’assessore dovrebbe spiegare molti dettagli», afferma il consigliere Pd Patrizia Baffi.

Il decreto prevede che sia vietato spandere fanghi di derivazione civile sui territori di 170 Comuni lombardi, secondo il criterio che «dove c’è concime animale a sufficienza non sarà più possibile spandere fanghi in Lombardia».
I Comuni lodigiani interessati dal divieto, valido per la stagione 2018/2019 (oggi già in fermo per il periodo autunnale), sono Abbadia Cerreto, Bertonico, Brembio, Castelgerundo, Corte Palasio, Maccastorna, Ospedaletto, Secugnago e Turano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.