La trùmba d’ària ch’la rüinàd la cattedrale vegetale de Lod

La trùmba d’ària ch’la rüinàd la cattedrale vegetale de Lod

di Maddalena Negri

Di volt me dumàndi perchè nass ‘na simpatìa, magàri tra persùn ch’i se cunùsun apéna. In chi dì chi m’è vegnüd chèl pensiér chi perchè duménica vintün utùbor ém pasàd ‘na bèla giurnàda a Milàn cun di “amìŝi” ch’ém incuntràd quand sém ‘ndài a fà un viàg urganiŝàd sü la costiéra amalfitàna. El grüp l’èra furmàd da ‘na trentìna d’ persùn ch’i vègnevun da tüta l’Italia, ma sübot s’è fürmàd di “ròculi de simpatiŝànti”.

Nüm, mi e ‘l me om, sém cumpagnàdi cun dü spuŝìn de Rudiano in pruìncia d’ Brescia (Mary e Michele), n’a sciùra de Turìn (Patrizia) e ‘na còppia de Ceséna (Alba e Fabrizio). ‘S’avarém truàd per sernìs, sta bén inséma, e per mantégn ànca dòpu di rapòrti de curdialità? Quànd nas di relasiòn insì spuntaneamént pénsi che gh’è sìa un fil rus che se pìsa tra tésta e cör e ne lìga inséma. Comùnque làsi pèrd i ragiunamentòn e ve cünti la bèla gìta ch’ém fài a Milan.

Pecàd che Fabrizio el gh’à ‘vüd un prubléma d’ salüt e lü e la so dòna i àn pudüd no végn. P’rò sém stài in contàto tüt el dì cun lur travèrs WhatsApp cun futugrafìe e salüdi. Dònca, ve cünti: sém truàdi a la Stasion Centràl, tàppe: Piàsa del Dom, pasegiàda in Galerìa fin in piàsa d’la Scàla cun pàuŝa caffè e sberlugiàde (sénsa tö gnént) a le vedrìne da lüsso; salìda sü le gùglie; prànzo cundìd da bèle ciciaràde; Castello Sforzesco ‘ndùe ém viŝitàd la mùstra cun la stüpénda Pietà Rondanini de Michelangelo (gh’èra ànca el sìndich de Milan, Beppe Sala, cun la so famìglia); vìŝita all’intèrn del Dom ch’ém püdüd no fà a la matìna perché ocupàd da ‘na culuràda prucesiòn de Peruviàni cul stendàrd d’la Madòna; ritòrno a la Stasiòn per ciapà i tréni e ‘ndà a cà. Pròpi ‘na bèla giurnàda, ànca cun cunfidénse de preocupasiòn e deŝidéri tàme se fà tra amìŝì e la vöia da truàs amò, a Turìn in primavéra, ànca cun Alba e Fabrizio (me racumàndi, in gàmba, püdì no mancà).

A lur tànti augüri da tüta la cumpagnìa, cun afèt. El fil rus el funsiùna! A chèl pùnto chi me fò ‘n’àltra dumànda: “Perché mi ve pàrli ògni méŝ, cun tànta cunfidénsa de quèl che sücéd a mi, ai me fiöi, ai me neùdi o de quèl che sücéd nel mund?” Gh’ò la rispòsta: “Perché el fil rüs el funsiùna ànca tra de nüm!” I me piàŝun pròpi i gumìtuli rüsi. ‘Sa diŝìu se lighém inséma tüti quèi che va no d’acòrdi? Bèl’idéa, pruém se funsiùna!

Purtròp la giurnàda de duménica l’è finìda malamént: la trùmba d’ària ch’la s’è levàda vèrs sìra l’à rüinàd la Cattedrale Vegetale de Lod perché l’à trài ŝù tànte piànte. Ò ‘miràd ch’l’òpera chi per la so belèsa e uriginalità e perché un om, Giuliano Mauri, un artìsta sugnatùr, l’à druàd la natüra per levàs vèrs el Cél. Pròpi un pecàd, sperém ch’i riésun a sistemàla. Nòta finàl: quést l’è el me artìcul in dialèt nümor düŝént ch’è stài püblicàd sül Cittadino, dal dümìladü fin a’dès. Amò düŝént e pö, magàri, deŝméti……

Maddalena Negri – Casalpusterlengo

LA TROMBA D’ARIA CHE HA ROVINATO LA CATTEDRALE VEGETALE DI LODI (traduzione letterale)

Alcune volte mi domando perché nasce una simpatia, magari tra persone che si conoscono appena. In questi giorni mi è venuto questo pensiero perché domenica 21 Ottobre abbiamo passato una bella giornata a Milano con degli “amici” che abbiamo incontrato quando siamo andati a fare un viaggio organizzato sulla costiera amalfitana. Il gruppo era formato da una trentina di persone che venivano da tutta l’Italia, ma subito si sono formati dei “gruppetti di simpatizzanti”.

Noi, io e mio marito, ci siamo accompagnati con due sposini di Rudiano in provincia di Brescia (Mary e Michele), una signora di Torino (Patrizia) e una coppia di Cesena (Alba e Fabrizio). Cosa avremo trovato per sceglierci, star bene insieme e per mantenere anche dopo dei rapporti di cordialità? Quando nascono delle relazioni così spontaneamente penso che ci sia un filo rosso che si accende tra testa e cuore e ci leghi insieme. Comunque, lascio perdere i ragionamentoni e vi racconto in breve la bella gita che abbiamo fatto a Milano.

Peccato che Fabrizio abbia avuto un problema di salute e lui e sua moglie non abbiano potuto venire. Però siamo stati in contatto tutto il giorno con loro attraverso WhatsApp con fotografie e saluti. Dunque, vi racconto: ci siamo trovati alla Stazione Centrale, tappe: Piazza del Duomo, passeggiata in Galleria fino in piazza della Scala con pausa caffè e occhiate (senza comprare niente) alle vetrine da lusso; salita sulle guglie; pranzo condito da belle chiacchierate; Castello Sforzesco dove abbiamo visitato la mostra con la stupenda Pietà Rondanini di Michelangelo (c’era anche il Sindaco di Milano, Beppe Sala, con la sua famiglia); visita all’interno del Duomo che non abbiamo potuto fare alla mattina perché occupato da una colorata processione di Peruviani con lo stendardo della Madonna; ritorno alla Stazione per prendere i treni e andare a casa. Proprio una bella giornata, anche con confidenze di preoccupazioni e desideri come si fa tra amici e la voglia di trovarci ancora, a Torino in primavera, anche con Alba e Fabrizio (mi raccomando, in gamba, non potete mancare).

A loro tanti auguri da tutta la compagnia, con affetto. Il filo rosso funziona! A questo punto mi faccio un’altra domanda: “Perché vi parlo ogni mese, con tanta confidenza, di quello che succede a me, ai miei figli, ai miei nipoti o di quello che accade nel mondo?” Ho la risposta: “Perché il filo rosso funziona anche tra di noi”. Mi piacciono proprio i gomitoli rossi. Cosa dite se leghiamo insieme tutti quelli che non vanno d’accordo? Bell’idea, proviamo se funziona!

Peccato che la giornata di domenica sia finita malamente: la tromba d’aria che si è alzata verso sera ha danneggiato la Cattedrale Vegetale di Lodi perché ha divelto molte piante. Ho ammirato quest’opera per la sua bellezza e originalità e perché un uomo, Giuliano Mauri, un artista sognatore, ha usato la natura per elevarla verso il Cielo. Proprio un peccato, speriamo che riescano a sistemarla. Nota finale: questo è il mio articolo numero 200 che è stato pubblicato su il Cittadino dal 2002 fino ad ora. Ancora 200 e poi, magari, smetto….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.