Caso mense, le opposizioni: «Casanova si deve dimettere»
Sara Casanova intervistata dalla Rai per il caso mense

Caso mense, le opposizioni: «Casanova si deve dimettere»

Il sindaco di Lodi tira dritto: non intende lasciare l’incarico e il regolamento resta in vigore

Dopo la bufera sempre crescente sul caso mense, a Lodi i consiglieri comunali delle opposizioni chiedono le dimissioni del sindaco.
Con un durissimo comunicato stampa di questa mattina (firmato dai consiglieri dei gruppi Partito Democratico, Lodi civica, Lista Gendarini Sindaco, Lista Civica Cominetti, 110&Lodi, Lodi al Centro) scrivono «La Sindaca Casanova ha mostrato una incredibile mancanza di ragionevolezza, continuando a sostenere le norme discriminatorie anche quando era chiaro che avrebbero provocato vere e proprie situazioni di apartheid nelle scuole lodigiane. Le dichiarazioni rese alla stampa hanno mostrato un livello di arroganza, di incapacità, di irresponsabilità che è una vergogna per questa città, e per cui la Sindaca dovrebbe dimettersi».
«Lodi - attaccano i consiglieri - sta facendo una figuraccia a livello nazionale e a rete unificate, come mai era successo nella sua storia. La testardaggine della Sindaca nel sostenere un provvedimento che è stato giudicato iniquo persino dal Vicesindaco e da altri due dei suoi Assessori non è più tollerabile».

Ma Casanova tira dritto, sia sul regolamento sia sul suo incarico. «Certamente il Regolamento rimane in vigore, la Legge deve sempre valere per tutti» ha scritto in una nota alla stampa questa mattina, ringraziando anche politici e cittadini che la sostengono e le esprimono solidarietà e stigmatizzando «attacchi personali e minacce che ritengo vergognosi». Anche sulle dimissioni il primo cittadino taglia corto e dice di non vedere alcun motivo per lasciare l’incarico.

Intanto domani dalle 8.30 fino alle 20.30 il Coordinamento Uguali Doveri organizza un presidio in piazza Broletto: si tratta della terza manifestazione in poco più di un mese contro il regolamento dell’amministrazione comunale di Lodi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.