Cambio della guardia all’Unicef: Pedrazzini è il nuovo presidente
Il tavolo dei relatori con al centro il nuovo presidente Unicef Pedrazzini

Cambio della guardia all’Unicef di Lodi: Pedrazzini è il nuovo presidente

«Un impegno che si rivolge a tutti i bambini del mondo»

Cambio della guardia per la sezione lodigiana dell’Unicef: giovedì sera, nella sede del comitato locale della onlus internazionale, è stato presentato alla cittadinanza il nuovo presidente Gianpaolo Pedrazzini, che prende il posto di Rita Soldati. «L’Unicef è un organismo internazionale di grandissima rilevanza che si occupa in particolare dell’infanzia sofferente - ha detto il prefetto Patrizia Palmisani introducendo la serata -. Se non ci fosse il braccio operativo delle onlus tutto l’apparato legislativo sarebbe vanificato. La solidarietà non può essere soltanto un dovere morale ma un vero e proprio imperativo civico. Donarsi agli altri è qualcosa che dà un vero valore al nostro tempo libero».

Stefano Taravella, ex presidente e fondatore, un quarto di secolo fa, del comitato lodigiano Unicef, ha poi riportato un fatto di alcuni anni fa: «Quando intervenimmo in Eritrea per bloccare i matrimoni infantili ci sentimmo dire da queste bambine che “era troppo tardi”. Dunque bisogna arrivare in tempo ed esserci nel momento giusto».

«Pedrazzini incarna professionalità, entusiasmo e dedizione - il saluto del fondatore del l’Unicef lodigiana -. Il comitato di Lodi è davvero tra i più attivi in Italia, con moltissimi progetti con scuole e Comuni. Ne voglio ricordare due: uno è “Adotta una pigotta”, mascotte a livello nazionale ma che è sorta in Lombardia, e “Il messaggio di pace più lungo del mondo”, durante la guerra dei Balcani».

Pedrazzini si è insediato con un discorso programmatico: «Abbiamo bisogno di tutti perché non potrò fare niente da solo. Inizia per me questa sera una nuova stagione, dove cercherò di dare il massimo, per dare il mio contributo a tutti i bambini che sono e saranno in difficoltà. Ricevo ogni giorno informazioni di bambini in difficoltà in tutto il mondo per varie situazioni. Dobbiamo impegnarci per tutti loro, come diceva Taravella “se solo avessimo salvato un bambino con il nostro impegno, avremmo già fatto molto”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.