Fiöla del tò Fiöl, ümil ma granda püsè d’una creatüra

di Modesto Tonani

‘Na fiöla d’la tribü de David ciamada Maria, un num che ‘n d’la so tradision vör di amàr, o pürament maestra, o men che men stela del mar, sgagia quan se trateva de met in ciar che la giüstisia la gh’eva da vestis de remision, la ‘ndeva ‘ tö l’aqua ‘l pus. Cumpar l’Angel del Signur:

- Ave Maria, piena de grasia, el Signur l’è cun ti, benedida tra le done, vègh no pagüra, per mešo del Spiritu Sant te gh’avarè un fiöl che te ciamarè Gesü; el sarà Sant e Fiöl d’ Idiu; anca Elisabeta la gh’avarà un fiöl, Giuàn, che’l prepararà la sò mision nel mund d’i omi pien de vicioria e de dasü…

El - Fiat de Maria – Eco, son Prunta – el riciamarà la Parola del Signur: - ‘Ndarà ‘n paradis no chi Signur, ma chi rispeta la vuluntà del Padre Mio.

Sichè, la Serva del Signur, l’Ancilla Domini, la diventa Sò Mama nel rispet d’la Sò Vuluntà, ‘Quel che Diu, vör, Fiat Voluntas Tua’..

La divusion d’la gent de nüm per la mama del Signur l’è manifesta ‘ ogni angul de cuntrada, faciada de palàs, cešina e Madunin in mes ai prà; e men che men, l’è ‘na futugrafia d’le strade de cà mia e d’quele d’suravia, due, da che gh’è mund, el viandant èl trova cunfort ‘n d’una preghiera per la Nosta Santa Mama. Nel Ludesan che’l par un angiulin che prega, tera d’i tanti campanin, cešine de campagna e Madunin, el firmament l’è puntegiad de stele, santüari d’la nosta divusion. Dal Concilio de Trento è stai impost a tüte le parochie la ‘Cunfraternita del Santisim e la Cunfraternita d’la Madona del Rusari, ricord d’la vitoria de Lepanto. A Lé, in tüte le ceše, è dedicad la capela püsè bela, gestida da la sò cunfraternita e dutada de paramenti sò e ‘na certa indipendensa. Da la Madona del Pradel de Paül a l’Asunta de Recagna, a la cità de Lod, cun l’Incurunada e la Madona de Funtana, a la Mater Amabilis de Usàgh, la Madona d’la Costa de Cavenagh, la Madona d’i Capücin de Casal, d’la funtana de Camairagh e d’l’Ada de Türan, semper ‘Campagne verde ‘ ruse, culurade de laurà, de casine laburiuse, de cešine ‘n mes ai prà. Dré le strade, ‘nvers i campi, den per den ‘n qual Madunin, divusion d’la Gent de Nüm. Siamesesia, amur de suravia, che’l tens le mè puesie de vӧja e d’armunia; testimoni del temp, ‘storie de gent cu’l cör in man’, drite tame gendarm, quan i te guardu e par ch’i disu: sta chì ‘n po’ ‘nsema ‘ nüm, sem a cà nosta; facie sculpide da la fadiga ma piene d’alegria, che quan me fermi, ‘ me lasun pü ven via… E quanta pora gent cu’l cör in man, pregheva ciamenda la grasi scuša ‘n d’una cantina nel menter i bumbardevu la sò cà e la sò Milan; e quanti sfuladi, per riturnà ‘ la vita e p’r un mursel de pan; quante mame pr’ i sò fiulin semp’r in pericul e quanti ben de nüm p’r una parola buna ‘l sò Gesü, setad a la destra del Pader, nel menter Le l’è semper prunta p’r una preghiera che par püsè nustrana, perché ‘n partensa l’era ‘na Pora Fiӧla, Vüna de nüm piena de armunia e remision:

- Maria Vergina, Fiöla del tò Fiöl, Ümil ma Granda püsè d’una creatüra, Port imaculad d’le noste tante pastocie, in Ti trövem misericordia, pietà, magnificensa insema ‘ ogni furma de buntà…

- Se salvarem cu la Fed nel mè Fiӧl Sant che’l s’è sacrificad per tüti nüm… E men che men, tüta la schiera d’la curt celesta la ghe va ‘ncuntra. En ciel gh’è stai preparad un tron de gloria ‘ la destra del sò Divin Fiöl. Maria l’è Munda dal pecad e Asunta ‘n ciel anima e corp per la gloria eterna.

E men che men, šu dal stradon, gh’era ‘n bel Madunin ‘renta ‘ la cà d’un plandon che tüti ‘ dì, finid i sò pendisi, el se seteva ‘n despart del sò dom fai de poche prede ma tanta fed e remision. Nel mes gh’era ‘na Madona campagnӧla tüta suridenta, ch’la ‘nvideva ‘l viandant a la preghiera. Sü l’altarin, ‘na tuaja bianca de pis, un lümin e dü vasi de fiuri semper freschi…

- Bondì siur, tame la và?

- M’ala da ‘ndà, cume Diu vör. Chì de siuri ghe n’è miga, ghe son mi e la mè fadiga, el Signur l’è ‘n ciel, e che Diu me benediga… ch’la Madunina chì la sa tüta la storia d’la mè vita… fevi ‘l plandon – l’eva tacad la spina – ma prima da ‘ndà ‘n d’i campi disevem el Rušari, preghevem la Madona per vegh un bon regöj, armunia ‘n famiglia, ch’i stesu tüti ben cumpres el por nimal… Ma là ‘n due gh’era l’erba ades gh’è quasi pü de religion: un bel dì è rivad ‘na rüspa, e ciau… Ma la Madona Campagnӧla l’è semper Viva e Suridenta ‘n del cör d’la gent ch’à cunservad un bris de divusion e ricunusensa…

Ave Maria, gratia plena

tino.vet@libero.it, Ager laudensis at work

FIGLIA DEL TUO FIGLIO, MA PIU’ GRANDE DI OGNI CREATURA (traduzione)

Una fanciulla della tribù di David chiamata Maria, un nome che nella sua tradizione significa amaro, oppure maestra, o nondimeno stella del mare, svelta quando si trattava di mettere in chiaro che la giustizia doveva ammantarsi di pietà, andava a prendere l’acqua al pozzo. Compare L’Angelo del Signore:

- Ave Maria, Piena di grazia, il Signore è con Te, Benedetta tra le donne, non aver paura, per mezzo dello Spirito Santo avrai un Figlio che chiamerai Gesù; sarà Santo e Figlio di Dio; anche Elisabetta avrà un figlio, Giovanni, che preparerà la sua missione nel mondo degli uomini pieni di boria e supponenza... Il ‘Fiat’ di Maria – Ecco, sono Pronta – richiamerà la Parola del Signore:

- Andrà in paradiso non chi mi chiama Signore, ma chi rispetta la volontà del Padre Mio.

Pertanto, la Serva del Signore, l’Ancilla Domini, diventa Sua Madre nel rispetto della Sua Volontà, - Fiat Voluntas Tua...

La devozione della nostra gente per la Mamma del Signore è manifesta a ogni angolo di contrada, facciata di palazzo, chiesetta e Madonnino in mezzo ai prati. E non di meno, è una fotografia delle strade di casa mia e di quelle di sopra via, dove, da che c’è mondo, il viandante trova conforto in una preghiera per la nostra Santa Mamma. Nel Lodigiano che sembra un angioletto orante, terra dei tanti campanili, chiesette di campagna e Madonnini, il firmamento è punteggiato di stelle, santuari della nostra devozione. Dal Concilio di Trento è stato imposto a tutte le parrocchie la Confraternita del Santissimo e la Confraternita della Madonna del Rosario, ricordo della vittoria di Lepanto. A Lei, in tutte le chiese, è dedicata la cappella più bella, gestita dalla sua confraternita e dotata di paramenti propri e una certa indipendenza. Dalla Madonna del Pratello di Paullo all’Assunta di Arcagna, alla città di Lodi, con l’Incoronata e la Madonna di Fontana, alla Mater Amabilis di Ossago, la Madonna della Costa di Cavenago, la Madonna dei Cappuccini di Casale, della fontana di Camairago e dell’Adda di Turano, sempre ‘Campagne verdi e rosse, colorate di lavoro, di cascine laboriose, di chiesette in mezzo ai prati. Lungo le strade, verso i campi, di quando in quando – compare – qualche Madonnino, devozione della nostra gente. Comunque sia, amore di sopra via, che tinge le mie poesie di voglia ed armonia; testimoni del tempo, storie di gente col cuore in mano, dritti come gendarmi, quando ti guardano e sembra dicano: - Stai qui un po’ insieme a noi, siamo a casa nostra; facce scolpite dalla fatica ma piene di allegria, che quando mi fermo, non mi lasciano più venire via... E quanta povera gente col cuore in mano pregava implorando la grazia nascosta in una cantina, mentre bombardavano la loro casa e la loro Milano; e quanti sfollati, per ritornare alla vita e per un pezzo di pane; quante mamme per i loro bimbi sempre in pericolo e quanti di noi per una parola buona al Suo Gesù, Seduto alla destra del Padre, mentre Lei è sempre pronta per una preghiera che sembra più nostrana perché in partenza era una Ragazza del popolo, Una di noi pervasa di armonia e di pietà… - Maria Vergine, Figlia del Tuo Figlio, Umile ma Grande più di creatura, Porta Immacolata delle nostre tante pene, in Te troviamo misericordia, pietà, magnificenza insieme ad ogni forma di bontà...

- Ci salveremo con la Fede nel mio Figlio Santo che si è sacrificato per tutti noi... E non di meno, tutta la schiera della Corte Celeste Le va incontro. In cielo Le è stato preparato un trono di Gloria alla destra del suo Divin Figlio. Maria è Monda dal peccato e Assunta in cielo anima e corpo per la gloria eterna. E nondimeno, discosta dalla strada asfaltata, c’era una bella Madonnina vicino alla casa di un piccolo coltivatore che tutti i giorni, terminati i suoi doveri, si sedeva in disparte del suo Duomo fatto di poche pietre ma tanta fede e remissione. Nel mezzo c’era una Madonna Campagnola tutta sorridente che invitava il viandante alla preghiera. Sul piccolo altare, una tovaglia bianca di pizzo, un cero e due vasi di fiori sempre freschi...

- Buongiorno signore, come va?

- Come deve andare, come Dio vuole. Qui di signori non ce n’è ci sono io e la mia fatica, il Signore è in cielo, e che Dio mi benedica... questa Madonnina conosce tutta la storia della mia vita... facevo il coltivatore diretto – aveva inserito la spina – ma prima di andare nei campi recitavamo il Rosario, pregavamo la Madonna per avere un buon raccolto, armonia in famiglia, che stessero tutti bene compreso il povero maiale... Ma là dove c’era l’erba adesso manca ogni traccia di rispetto: un bel giorno è arrivata una ruspa e ciao… Ma la Madonna Campagnola è sempre Viva e Sorridente nel cuore della gente che ha conservato un briciolo di devozione e riconoscenza...

Ave Maria, Piena di grazia…

tino.vet@libero.it Ager laudensis at work

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.