Da Graffignana la sfida alle metastasi
Il biologo di Graffignana Luigi Scietti (secondo da destra), primo firmatario di uno studio pubblicato su “Nature Communications”: svelata la struttura molecolare dell’enzima LH3

Da Graffignana la sfida alle metastasi

Il biologo “Gigi” Scietti, primo firmatario di uno studio pubblicato su “Nature Communications”

Cristina Vercellone

Da Graffignana una speranza in più per la cura dei tumori. Scoperta la struttura molecolare di un enzima coinvolto nella formazione di metastasi e gravi malattie rare. Protagonista di questo fondamentale studio è il biologo Luigi Scietti, figlio dell’ex sindaco e centrocampista nella Luisiana di Pandino.

Scietti è il primo firmatario di un articolo, pubblicato su «Nature Communications», e realizzato insieme al gruppo di ricerca del laboratorio di biologia strutturale Armenise - Harvard dell’università di Pavia (dipartimento di biologia e biotecnologie Lazzaro Spallanzani) guidato dal professor Federico Forneris.

Aver svelato la struttura tridimensionale dell’enzima LH3 permette di comprendere le basi molecolari di diverse malattie genetiche. Questo studio rappresenta anche una base importante per progettare futuri farmaci che combattano e prevengano la formazione di metastasi associate a molteplici tipologie di tumori solidi.

«Il progetto - confida Scietti - si è rivelato una sfida fin dall’inizio ed è stato un percorso non privo di ostacoli, ma la perseveranza, il lavoro di squadra, le notti spese a Grenoble a raccogliere dati hanno prodotto i loro frutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.