Fermati in A1, dai due afghani nessuna richiesta di asilo politico

Fermati in A1, dai due afghani nessuna richiesta di asilo politico

Gli stranieri, che viaggiavano aggrappati sotto un camion, sono stati sorpresi dalla polizia stradale

Davide Cagnola

Potranno presentare richiesta di asilo politico, e ricevere così la “protezione” prevista in questi casi (in attesa che la loro posizione venga vagliata da un’apposita commissione), oppure decidere di restare irregolari sul territorio italiano e magari cercare di proseguire il loro viaggio verso il nord Europa.

Per il momento i due cittadini afghani che la polizia stradale di Guardamiglio ha sorpreso la scorsa settimana sotto il rimorchio di un tir in viaggio in autostrada sono stati rilasciati in libertà. Dopo aver ricevuto la solidarietà della stessa polizia, che li ha rifocillati nella caserma di Guardamiglio e gli ha fornito vestiti puliti, la “pratica” che li riguarda ora è stata passata all’ufficio immigrazione della questura, che si trova a Lodi in via Defendente.

L’autostrada del Sole

«Sono stati invitati a presentare richiesta di asilo politico per ottenere lo status di profughi - viene riferito dagli uffici della questura -, ma finora non lo hanno ancora fatto. Nel frattempo sono liberi, e non è stato emesso nessun decreto di espulsione a loro carico dato che hanno un periodo di tempo per formalizzare la loro richiesta. Dopo di che, se non lo faranno, risulteranno irregolari e, se fermati, potranno essere espulsi».

La sede della questura di Lodi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.