Isola Carolina, su Facebook foto e ricordi

Polemiche e anche un gruppo Facebook sul futuro dell’Isola Carolina

Il progetto presentato dalla giunta fa discutere: critiche le minorante, chiesto un incontro con l’architetto Bay

Sono già 800 i lodigiani che hanno aderito al gruppo Facebook dedicato all’Isola Carolina. Una pagina dedicata al polmone verde di Lodi partita soprattutto per difendere le 105 piante che, nel progetto sostenuto dall’amministrazione, dovranno essere tagliate. Non per niente uno degli slogan dell’iniziativa è «Io sto con gli alberi».
Gli “amici” del gruppo sono pronti a svelare ricordi e pubblicare fotografie della “vecchia” Isola Carolina: tutti concordano sulla necessità di riqualificare il parco, ma senza sacrificare le piante.

Una delle frasi più contestate da chi partecipa alla discussione sul progetto di rilancio, presente nella relazione stilata dall’architetto Marco Bay, è «sottobosco senza emozioni», per smentirla sono state pubblicate diverse fotografie nel corso delle stagioni.

Antonella Rossi, a nome del gruppo Facebook, ha inviato una mail all’indirizzo della Fondazione Cariplo: «Spettabile Fondazione Cariplo, sui giornali quotidiani e anche da sito del Comune emerge che il maggior finanziamento della riqualificazione dell’Isola Carolina a Lodi è fatto dalla vostra Fondazione. Mi chiedo, data la vostra sensibilità per ambiente, cultura, storia, se siete al corrente che il progetto prevede il taglio di 107 piante delle quali 4 pare siano ammalate, ma le altre 103 sono sane e al massimo necessitano di una normale ordinaria manutenzione».

Anche dall’opposizione arrivano numerose perplessità sul progetto. Dal consigliere di opposizione Antonio Uggè, che ha anche presentato un’interrogazione; da Giuliana Cominetti che lo considera «molto oneroso con l’aggravante di dover sacrificare un polmone verde»; dal Movimento Cinque Stelle che in un lungo comunicato di ieri chiede alla giunta perchè non sia stato intrapreso un percorso partecipativo dal basso.
Il vice presidente della commissione ambiente e territorio, Stefano Caserini di 110&Lodi ha annunciato che intende convocare la commissione: « Ho scritto all’assessore Tarchini per concordare la data, come prevede il regolamento delle commissioni. Ritengo che vista l’importanza del progetto è molto importante una discussione in commissione, sia per dare la possibilità ai consiglieri di capire il progetto approvato che per fornire suggerimenti. Ho chiesto altresì di contattare il progettista, architetto Bay, per chiedergli di essere presente in commissione, per meglio illustrarlo. Questo progetto sta facendo molto discutere, perché è un progetto rilevante che tocca in modo significativo il principale parco della città. Un coinvolgimento della città è importate, il coinvolgimento degli eletti in consiglio comunale è un primo passo che ritengo politicamente doveroso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.