Il migliore salame nostrano 2018 è un mix fra Lodigiano e Cremasco
Insaccati protagonisti al “Salamino d’oro”

Eletto a Cavenago il migliore salame nostrano del 2018

Il tradizionale “Salamino d’Oro” conquistato dall’insaccato di Bellocchio e Lupo Stanghellini, un connubio tra sapori lodigiani e cremaschi

Mezzo lodigiano e mezzo cremasco. Il Salamino d’oro 2018 è andato ad Aldo Bellocchio di Castiglione d’Adda e Dario Lupo Stanghellini di Bagnolo Cremasco, che hanno presentato insieme il salame vincitore del tradizionale concorso di Cavenago d’Adda. Ad aggiudicarsi il Salamino d’argento è stato ancora un “oriundo”, Ivan Severgnini di Credera.

Nella cantina della trattoria, al riparo da occhi indiscreti, i dodici giurati presieduti da Agostino Bonizzoni hanno assaggiato i 48 salami in gara votando il migliore e gli otto finalisti, che sono passati poi al vaglio di una seconda giuria formata da cinque partecipanti estratti a sorte: a loro il compito di votare il Salamino d’argento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.