Alla scoperta della comunità romena
Padre Cazacu

Alla scoperta della comunità romena

Uno straniero su tre residente nella città di Lodi è di origine romena: quella che si riunisce attorno alla chiesa ortodossa della zona Laghi è una comunità giovane e vivace. Sul «Cittadino» di martedì 17 aprile la nostra inchiesta

Lodi

Padre Nicolae Cazacu snocciola i dati sul numero di residenti, di famiglie e sui battesimi e i matrimoni che vengono celebrati nella chiesa della zona Laghi. Parte da qui la nostra inchiesta alla scoperta della comunità romena di Lodi, che sarà pubblicata sull’edizione del «Cittadino» in edicola martedì 17 aprile.

Tra le esigenze, evidenziate da padre Cazacu nel lungo colloquio con «il Cittadino», quella di ricavare spazi per la parte più giovane della comunità. I nostri giornalisti si sono spostati poi al parco di villa Braila, per incontrare le badanti che ogni pomeriggio si danno appuntamento nel giardino pubblico.

Nell’inchiesta anche le interviste ai commercianti e ai piccoli artigiani, che diventano un punto di riferimento per la comunità. Tra le altre, la bottega di via Borgo Adda, che attira clienti romeni ma anche italiani.

Un negoziante romeno

Leggi l’approfondimento sull’edizione del «Cittadino» in edicola martedì 17 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.