Rischio neve da mezzanotte, l’allerta della Protezione civile

Rischio neve da mezzanotte, l’allerta della Protezione civile

Potrebbero esserci difficoltà e rallentamenti del traffico stradale e ferroviario e non si esclude la formazione di ghiaccio

Rischio neve anche in pianura dalla mezzanotte di oggi: la sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia ha emesso una comunicazione di ordinaria criticita’ (codice giallo) per rischio neve che comprende la zona omogenea NV-16 (Bassa pianura lodigiana-cremonese, province di Cremona e Lodi).
«Le problematiche principali per rischio neve potrebbero essere legate soprattutto a difficoltà e rallentamenti del traffico stradale e ferroviario» si legge in una nota della Protezione civile: «Su tutte le zone segnalate, anche se i quantitativi di neve saranno contenuti, non si esclude la possibile formazione di ghiaccio al suolo e sul manto stradale».

Per i prossimi giorni il bacino del Mediterraneo continuerà a essere interessato da una circolazione depressionaria, legata a una più ampia struttura di bassa pressione in discesa dal nord-est Europa, con associata aria fredda continentale. Dopo le precipitazioni di venerdì, per la giornata di sabato 24 sono previste condizioni di instabilità residue, specie nella prima parte della giornata, con precipitazioni diffuse; limite neve inizialmente attorno ai 500 metri, poi in risalita.

Intanto si attende il gelo siberiano. «Confermata l’ondata di gelo di notevole intensità che colpirà l’Europa dalla Siberia a partire dal prossimo weekend, sotto i gelidi venti di Buran – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega – .Si tratta di un evento davvero eccezionale per durata, estensione ed intensità, come non si vedeva da anni e che farà sicuramente parlare di sé. Si partirà da Scandinavia, Russia e Stati orientali, ma il gelo siberiano dilagherà poi anche su Germania, Danimarca, Olanda, Belgio, poi Francia e persino Gran Bretagna ed Irlanda Temperature in tracollo con gelo intenso almeno fino ai primi di marzo, valori anche sotto i -10°C in pianura e temperature sotto la media fino a 10/15°C».

«Saranno possibili rovesci di neve in pianura localizzati e a tratti sottoforma di blizzard su quasi tutta l’Europa – prosegue l’esperto di 3bmeteo.com – dalla Russia alla Francia, ma anche Inghilterra, Balcani, Scandinavia; solo la Penisola Iberica dovrebbe rimanere tagliata fuori. Rischio forti disagi per diversi giorni nel settore dei trasporti e attività all’aria aperta. Per chi ha in programma di mettersi in viaggio nei prossimi giorni, consulti attentamente le previsioni e tenga in considerazione che saremo davanti ad un evento di portata storica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.