Investimento sulla linea ferroviaria a Santo Stefano, treni bloccati per ore
Carabinieri e Polizia in stazione per le indagini

Investimento sulla linea ferroviaria a Santo Stefano, treni bloccati per ore

Un uomo è morto questa mattina alle 8.40 nella stazione del paese della Bassa. Intorno a mezzogiorno il traffico ferroviario ha iniziato a tornare gradualmente alla normalità

(ore 12) Sta tornando gradualmente alla normalità, dalle 11.45, il traffico ferroviario fra Piacenza e Codogno (linea Piacenza – Milano) sospeso dalle 8.40 e poi parzialmente riattivato alle 10.35, per l’investimento di una persona nella fermata di Santo Stefano Lodigiano. Lo annuncia Trenitalia.

(ore 11) È un 29enne di Santo Stefano Lodigiano l’uomo che questa mattina ha perso la vita in stazione. Sul posto i carabinieri e la Polizia Ferroviaria. Intanto intorno alle 10.30 è stata attivata la circolazione a senso unico alternato sul tratto ferroviario. I convogli viaggiano su un solo binario, con ritardi fino a 120 minuti.

(ore 9) Una persona è stata investita questa mattina a Santo Stefano Lodigiano alle 8.40 e ha perso la vita. Il traffico ferroviario fra Piacenza e Codogno (linea Piacenza – Milano) in questo momento è sospeso.
Sul posto sono presenti la polizia e i carabinieri della compagnia di Codogno.

La stazione di Santo Stefano questa mattina

È una mattina nera per la circolazione ferroviaria: solo un’ora prima è stato rinvenuto un cadavere lungo i binari ed è stata sospesa la circolazione ferroviaria fra Milano Porta Garibaldi e Milano Greco Pirelli, nel Nodo di Milano.In corso la riprogrammazione del servizio ferroviario con cancellazioni, limitazioni, deviazioni e ritardi fino a 20 minuti. A Milano i treni hanno ripreso a circolare, con cancellazioni, limitazione e deviazioni di percorso, poco prima delle nove grazie alla riattivazione di un binario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.