SAN GIULIANO Chiusa la sede Ai.Bi. di Kiev, i bambini scacciati dalle bombe
Gli operatori Ai.Bi. con i piccoli profughi

SAN GIULIANO Chiusa la sede Ai.Bi. di Kiev, i bambini scacciati dalle bombe

Ora l’associazione accoglie in Moldavia i piccoli profughi in fuga dalla guerra

L’associazione Ai.Bi. di San Giuliano è accanto ai bambini dell’Ucraina. Gli operatori legati alla nota realtà di no profit (Associazione Amici dei bambini) sono impegnati a creare un ambiente sereno per i piccoli che insieme alle loro mamme raggiungono i centri di accoglienza profughi collocati a Chișinău nella capitale della Moldavia.

Ai giovanissimi ucraini viene infatti offerto un supporto psicologico teso a creare un’accoglienza pensata appositamente per i bambini che arrivano con le loro mamme: donne che con grande coraggio si stanno lasciando alle spalle le proprie case per varcano il confine con i figli in tenera età al fine di metterli in salvo dalle bombe.

A causa della guerra ha dovuto chiudere l’istituto Ai.Bi, che operava a circa 150 chilometri d Kiev, che dal 1999 era sempre stato un solido punto di riferimento per gli orfani e i bimbi provenenti da famiglie che avevano difficoltà ad occuparsi di loro.

Prima dell’occupazione russa il complesso contava 180 ospiti, ma dal momento che, con l’avanzata del conflitto verso la capitale, è stato ritenuto troppo rischioso mantenere aperta la struttura, la maggior parte dei piccoli è tornata dai propri genitori. Inoltre 16 orfani sono stati trasferiti in Polonia in un luogo protetto dove sono rimasti comunque tutti insieme.

Approfondisci l'argomento sulla copia digitale

© RIPRODUZIONE RISERVATA