Salta il tentativo di mediazione: si va in tribunale per l’eredità contesa
Il sindaco di Santo Stefano Marinella Testolina

Salta il tentativo di mediazione: si va in tribunale per l’eredità contesa

SANTO STEFANO L’annuncio del sindaco, la prima udienza fissata per il 15 gennaio 2021

Naufragato il tentativo di mediazione, per l’eredità contesa si andrà in tribunale. Il caso è quello che vede contrapposti amministrazione ed eredi dell’anziana che due anni fa lasciò in eredità immobili e soldi al municipio di Santo Stefano, e che stando alle indagini della Procura fu raggirata dell’ex sindaco Massimiliano Lodigiani.

L’amministrazione comunale di Santo Stefano Lodigiano si prepara quindi ad affrontare il processo sull’eredità contestata come è emerso sabato in consiglio comunale in risposta all’interrogazione del gruppo di minoranza “Uniti per Santo Stefano Lodigiano”. «Allo stato dei fatti, ovviamente, cercare di chiudere la controversia in fase di mediazione voleva dire in qualche maniera ammettere da subito una colpa da parte del Comune - ha spiegato il sindaco Marinella Testolina -, cosa allo stato non pensabile in quanto il procedimento penale verso il presunto autore della falsificazione del testamento non si è ancora pronunciato». A questo punto le parti si vedranno in tribunale di Lodi, la prima udienza è fissata per il 15 gennaio 2021.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola lunedì 30

© RIPRODUZIONE RISERVATA