Lodi, «frode alle Prefetture sugli aiuti per i migranti»: condanne fino a undici anni
Letti all’aperto all’epoca del centro di accoglienza di via Selvagreca (Foto by archivio)

Lodi, «frode alle Prefetture sugli aiuti per i migranti»: condanne fino a undici anni

Pesante sentenza di primo grado per l’operazione Fake Onlus della Finanza

Terminate le repliche dei difensori, il tribunale di Milano ha condannato stamane tutti e dieci gli imputati a pene tra un minimo di quattro a un massimo di undici anni di reclusione a seguito dell’inchiesta “Fake onlus” della guardia di finanza di Lodi che aveva contestato pesanti irregolarità sull’utilizzo di sette milioni di euro di contributi statali erogati dalle Prefetture di Lodi, Pavia e Parma a un consorzio di cooperative “senza fini di lucro” che si facevano carico di vitto, alloggio e servizi finalizzati all'integrazione per centinaia di immigrati richiedenti asilo, dal 2014 al 2018. Secondo l’accusa la “mente” sarebbe stata una 69enne, pregiudicata per reati finanziari, cui è anche contestato di aver acquistato immobili con fondi “dirottati” dalle attività di accoglienza. Il pm Gianluca Prisco aveva chiesto una pena massima di oltre 13 anni.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola giovedì 24 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA