INCROCIALO Il cruciverba dei musei del Lodigiano in omaggio con il Cittadino sabato 21 maggio VIDEO
La presentazione del cruciverba IncrociaLo nella sede del Cittadino. Da sinistra Simone Piacentini , Elena Cattaneo, Lorenzo Rinaldi, e Giuseppe Corbellini

INCROCIALO Il cruciverba dei musei del Lodigiano in omaggio con il Cittadino sabato 21 maggio VIDEO

Stamattina la presentazione dell’iniziativa promossa dal Sistema museale lodigiano in collaborazione con la Provincia di Lodi e il nostro giornale

Un gioco per mettere alla prova – e approfondire – divertendosi la propria conoscenza del patrimonio artistico e ambientale del territorio, visitabili nell’ambito della rassegna provinciale “Il Lodigiano e i suoi tesori”, che nel 2022 compie vent’anni e che ha preso il via, nella sua consueta edizione estiva, all’inizio del mese. Sabato 21 maggio, in allegato al ‘Cittadino’ in tutte le edicole della provincia sarà distribuito, fino ad esaurimento scorte, “IncrociaLo”, il cruciverba del Sistema Museale Lodigiano.

Il cruciverba dei musei del Lodigiano con il Cittadino sabato 21 maggio. Video di Lorenzo Rinaldi

Come ha ricordato ieri mattina in redazione alla presentazione dell’iniziativa il direttore Lorenzo Rinaldi, si tratta di una collaborazione, quella con la Provincia di Lodi, in atto già da qualche tempo (nel 2020 è stato distribuito “Memo MuseoLO”, il memory con i musei e le riserve naturalistiche del territorio, mentre nel 2021 è stata la volta di “MuseottoLO”, il gioco dell’oca sullo stesso tema): «Si tratta di uno strumento per fare conoscere il Lodigiano e sono molto contento che questa sinergia continui anche quest’anno – ha spiegato – ringrazio il presidente della Provincia Fabrizio Santantonio, che ha voluto cogliere l’iniziativa, a sua volta inserita, nell’ambito del nostro giornale, in un contesto di progettualità di valorizzazione del nostro territorio, come la rubrica “Itinerari e Abbazie” in uscita il mercoledì. L’idea è stata molto apprezzata: “MuseottoLO”, distribuito solo nelle edicole di Lodi, è andato a esaurirsi in poco tempo».

A illustrare il gioco, invece, è stata la sua ideatrice, la referente dell’ufficio Cultura di palazzo San Cristoforo Elena Cattaneo: «Per risolvere il cruciverba bisogna conoscere il Sistema Museale Lodigiano. Oltre a completare tutte le definizioni, c’è una frase misteriosa da trovare inserendo le lettere che trovano spazio in alcune caselle colorate di giallo – ha precisato – le soluzioni sono disponibili sul sito della Provincia (https://www.provincia.lodi.it/), nella sezione ‘Cultura’, sotto la voce ‘Giochi’. L’invito, però, è a provare a risolverlo senza guardarle!».

Assieme a Cattaneo erano presenti i consiglieri provinciali Giuseppe Corbellini e Simone Piacentini. Il primo si è detto «contento che siamo riusciti a riproporre ‘Il Lodigiano e i suoi tesori’ in forma ‘estesa’, non più solo virtuale come negli ultimi due anni, nel trentesimo anniversario della nascita della Provincia. Speriamo, inoltre, che al pari di ‘MuseottoLO’ il cruciverba venga proposto come attività didattica nelle scuole. Il nostro è un territorio stupendo e la rassegna propone iniziativa e attività per tutti i gusti. Ringraziamo gli sponsor Fondazione BPL, L’Erbolario, Pellini e McDonald’s. Per questa ventesima edizione abbiamo, inoltre, realizzato anche un segnalibro che permette di ottenere sconti e omaggi presso alcuni musei e nostri sponsor». Il secondo, invece, ha sottolineato che «l’aspetto ludico associato alla cultura è divertentissimo. Siamo in un momento nel quale la pandemia sembra rallentare e può avere luogo un nuovo inizio, accompagnato dal bel tempo, una riscoperta a partire dagli spazi che abbiamo più vicini, e che possiamo raggiungere anche in bicicletta. Un ringraziamento particolare a chi tiene aperti questi musei, facendolo, in molti casi, a titolo volontario». “Il Lodigiano e i suoi tesori” prosegue anche questo weekend tra musei e mostre aperti, gite in battello, conferenze all’osservatorio astronomico, laboratori per bambini in cascina e un itinerario in bicicletta intorno al Lambro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA