«In stazione a Codogno c’è un gruppo di ragazzini che fuma qualcosa assieme all’ammoniaca»
La tipica carta di alluminio bruciacchiata lasciata solitamente da chi fuma eroina o cocaina, trovata in stazione

«In stazione a Codogno c’è un gruppo di ragazzini che fuma qualcosa assieme all’ammoniaca»

La scena notata dai lavoratori del cantiere per gli ascensori: «Poi vanno via in treno»

La carta stagnola accartocciata è ancora lì, ai piedi delle scale che portano al quinto binario. Dove un gruppetto di ragazzini, 14-15 anni al massimo, tutti italiani, sono stati visti da un operaio mentre scaldavano con l’accendino pezzi di stagnola dopo averci versato sopra dell’ammoniaca. «Poi l’inalano – spiegava ieri il ragazzo, proteggendosi subito da cattivi pensieri -. Io di queste cose non me ne intendo, ma mi hanno detto che si fa, li hanno visti anche in stazione a Lodi». A Codogno l’operaio li ha sorpresi almeno quattro o cinque volte, seduti sui gradini della scalinata in fondo al sottopasso. E l’ha segnalato alle forze dell’ordine. «Quando passo cercano di fare finta di niente, ma li ho visti che scaldano l’ammoniaca e l’inalano. Io tiro dritto e guardo in basso, però ho avvisato chi di dovere – prosegue il lavoratore -. Non so da dove vengano, si vedono sempre dopo pranzo, verso l’una e mezzo, le due. In tre settimane li ho visti quattro cinque volte. Può darsi che poi prendano il treno per Pavia».


© RIPRODUZIONE RISERVATA