Finestre chiuse e porta serrata, l’hotel Fiesta non ha più riaperto
L’hotel Fiesta fu a lungo una casa padronale, 50 anni fa la trasformazione

Finestre chiuse e porta serrata, l’hotel Fiesta non ha più riaperto

Casale, lo storico albergo appare ormai vuoto dall’inizio dell’emergenza sanitaria

Finestre chiuse, porta serrata, luci spente. È così che si mostra lo storico hotel Fiesta di Casale che dallo scoppio della pandemia non ha più dato segni di ripresa. Al punto che digitando sul web il suo nome, in pochi secondi appaiono le immagini dell’albergo di via Rovida Dragoni Giuditta, ma con la scritta “definitivamente chiuso”. Ufficialmente però non risultano atti di cessata attività. Resta un fatto però che uno degli hotel di riferimento della città sia vuoto. E che da mesi ormai nessuno abbia più notato movimenti. Dai balconi non si affaccia nessuno, eccetto il bel verde a cascata che caratterizza la facciata. A Casale quell’edificio a pochi metri dalla stazione fu a lungo una casa padronale a ridosso di una antica azienda casearia. In seguito, circa cinquant’anni fa, la casa fu trasformata in un albergo, noto a tutti come l’Hotel Fiesta, riferimento a tre stelle per chi si recava in città per viaggi di lavoro, brevi visite di cortesia, soluzioni dell’ultimo momento, weekend in zona.


© RIPRODUZIONE RISERVATA