Corte Palasio, nuovi rilievi dei carabinieri per l’ex sindaco con la gola tagliata - IL VIDEO
Il porticato dove è stato trovato agonizzante l’ex sindaco (Foto by Catena)

Corte Palasio, nuovi rilievi dei carabinieri per l’ex sindaco con la gola tagliata - IL VIDEO

I militari in tuta bianca sono tornati nel porticato sotto casa di Pierangelo Repanati

Poco prima delle 14 diversi carabinieri specializzati in rilievi di polizia scientifica, con guanti e tute bianche, sono tornati al 52 di via Roma a corte Palasio per effettuare, alla luce del giorno, nuovi campionamenti, concentrandosi in particolare sulle vistose macchie di sangue rimaste dove l’ex sindaco 57enne è stato soccorso da due vicine ieri sera poco dopo le 22, ormai in stato di collasso a causa dell’emorragia. Una donna che abita in un appartamento confinante alla grande casa di famiglia di Pierangelo Repanati, in cui ormai dopo la morte dei genitori viveva da solo, avrebbe raccontato di aver sentito un rumore di vetri, nel dormiveglia, ma di non averci fatto caso. E di essersi alzata dal letto solamente tempo dopo, secondo lei forse anche due ore, avendo sentito dei lamenti. A quel punto ha trovato Repanati a terra tra il giardino e il porticato, e ha allertato un’altra vicina, infermiera. Hanno tentato la rianimazione e chiamato l'ambulanza, ma non c’era niente da fare. Alla prima vicina, Repanati avrebbe anche provato a dire qualcosa, ma senza riuscire a esprimere parole chiare, prima di perdere conoscenza per sempre.

I militari sono tornati sul posto dopo che in tarda mattinata c’è stato un vertice presso la Procura. La cui posizione ufficiale per ora è di ricondurre il decesso «con maggiore probabilità a un evento accidentale». Il 57enne sarebbe caduto di faccia in una portafinestra provocandosi due profonde ferite al collo per la rottura dei vetri. Ma forse non ha chiesto subito aiuto, sottovalutando la gravità della situazione. Giovedì comunque si terrà l’autopsia perché diversi particolari sono ritenuti meritevoli di riscontro. Riservato e appassionato di cultura e attualità, Repanati all’apparenza non poteva avere nemici. Nè la casa appariva come particolarmente ricca e magari di interesse dei ladri, tutt’altro.

Pierangelo Repanati

Pierangelo Repanati
(Foto by Borella)

Leggi l’approfondimento sul Cittadino in edicola domani 29 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA