CODOGNO Il panettone Cornali “atterra” su Marte
Carlo Cornali e Augusto Grana

CODOGNO Il panettone Cornali “atterra” su Marte

Un modellino e un filmato in vetrina per un viaggio da “fantascienza”

I “Fratelli Cornali” approdano su Marte. Ed è tutto documentato. A provarlo c’è il filmato della missione, la base spaziale in collegamento con gli astronauti, l’approdo e il ritrovamento della prima forma di dolce sul Pianeta rosso: il panettone della storica pasticceria di Codogno. «Ha fatto tutto Augusto, ha costruito lui il modellino» racconta Carlo Cornali mentre maneggia il telecomando per accendere il televisore in vetrina e la gente per strada si avvicina, curiosa, a guardare la strana costruzione. Perché le feste quest’anno da Cornali va in scena una mini-fiction, un viaggio nello spazio ideato da Augusto Grana, 69 anni, perito meccanico in pensione. Originario di Castelnuovo ma codognese d’adozione, ex dipendente della Alcatel di Milano, Augusto mette insieme la passione per la meccanica e arte del riciclo, e il risultato è un marchingegno come quello esposto dietro il vetro della pasticceria Cornali. Ogni pezzo è un elaborato di qualcosa che era lì lì per finire nella pattumiera, e c’è da perdersi a osservare come lo ha trasformato.

E dove un comune mortale vede null’altro che l’oggetto per com’è nato, lui già disegna mondi. Il filmato trasmesso in vetrina riprende quello della missione Nasa con il rover “InSight”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA