Asfalto e strisce, a Lodi Vecchio è la stagione dei cantieri
Il sindaco Felissari

Asfalto e strisce, a Lodi Vecchio è la stagione dei cantieri

Posti rosa per le mamme

Operai e mezzi al lavoro, dalla prossima settimana, per cambiare volto alle strade di Lodi Vecchio. Dal centro alle periferie, con l’intento di rimettere mano alla segnaletica orizzontale e verticale e restituire decoro e sicurezza, con un intervento che impegna 20 mila euro di risorse.

«La giunta Felissari ha sempre avuto un’attenzione particolare per la viabilità - spiega il consigliere delegato Massimiliano Bona, anche capogruppo di maggioranza -, concretizzata in un importante piano strade, che ha impegnato l’amministrazione sin dal suo insediamento e sarà diviso in due fasi». La prima è quella legata al rifacimento della segnaletica orizzontale - ovvero strisce, parcheggi, stop, precedenze - in tutte le vie che non saranno interessate dai lavori di restyling del manto stradale. «Per noi sicurezza stradale è anche chiarezza nei segnali e per questo ci siamo presi l’impegno di riqualificare a tappeto la segnaletica sulla rete stradale - aggiunge Bona - : i lavori saranno seguiti dalla polizia municipale che garantirà i flussi di traffico e la gestione dei momentanei limiti per la posa della pittura. A seguire poi ci sarà un importante intervento anche sulla segnaletica verticale». Tra le novità i parcheggi rosa - riservati a gestanti e mamme con figli piccoli, nei pressi di scuole e supermercati, alcuni saranno visibili solo a completamento del piano strade - nei punti critici i cartelli stradali saranno dotati di lampeggianti. In queste settimane sarà completato poi l’iter per il rifacimento degli asfalti, che partirà subito dopo. «Crediamo che decoro e sicurezza debbano necessariamente coniugarsi a vicenda e che mobilità e sicurezza siano diritti fondamentali - chiude Bona -: ringrazio sin da ora la cittadinanza per la pazienza che ha avuto e che avrà. Anche in questo modo si costruisce il futuro della nostra comunità. Nonostante il periodo di emergenza sanitaria, l’amministrazione è stata lungimirante nell’approvazione del bilancio nel marzo scorso, tra le prime amministrazioni locali a farlo. Una scelta che ci ha consentito, seppur tra mille difficoltà, di poter iniziare a lavorare oggi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA