Il tributo alla memoria di Guido Ceronetti

Fabio Francione

La Biblioteca Minima delle edizioni Adelphi sta offrendo spalti prestigiosi ad alcuni rapidi libretti di Guido Ceronetti. Dopo la cavalcata aforistica de L’occhio del barbagianni, arriva in libreria Per non dimenticar la memoria: vertiginosa guida sulla conservazione della memoria – e da sottolineare – umana dall’invasività della cosiddetta, come la chiama l’autore, E-memoria (e sottotraccia, nemmeno poi tanto, emerge qui e là uno dei suoi temi ultimi più cari, la paura della vecchiaia e dei mali che l’abitano). In questo scontro titanico c’è ancora spazio per la vita? Per quell’esistenza alimentata dal ricordo, quindi dalla memoria che si fa carne viva quando alla mente arrivano immagini, intere frasi, libri e persone che hanno circondato il mondo di ognuno? Ma, con fervore pessimistico, Ceronetti individua rei e confessi, ma anche qualche sparuto innocente. Ahitutti, però, scomparsi come le lingue greca e latina che insegnavano metodi e aiutavano non poco l’esercizio del ricordo. Forse, l’intellettuale piemontese non aveva ancora scorso la lista dei bestseller dell’ultimo mese.

Guido Ceronetti Per non dimenticar la memoria - Adelphi - Milano - 2016 - pp. 64 - 7 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.