No all’Esselunga ma servizi pubblici e residence di qualità

No all’Esselunga ma servizi pubblici e residence di qualità

Quale futuro per l’area dell’ex Consorzio agrario?

L’area dell’ex Consorzio Agrario, collocata in pieno centro nei pressi della stazione ferroviaria, ha una straordinaria importanza strategica per la città ed il suo recupero può rappresentare una grande opportunità.

È per questo che la direzione a cui orientare il futuro di quest’area deve essere scelta con grande attenzione, individuando soluzioni che garantiscano importanti ricadute di interesse pubblico dal punto di vista dei servizi e della riqualificazione urbana e soprattutto assicurandosi che qualsiasi nuova funzione che si insedierà possa portare un valore aggiunto complessivo e non entri in conflitto con l’esistente.

La disponibilità di operatori pronti a investire è un fatto sicuramente positivo, ma non a qualsiasi condizione e per qualsiasi tipo di intervento. La miglior vocazione ipotizzabile per questa area è davvero quella di ospitare un supermercato o è possibile immaginare un ruolo diverso, capace di portare innovazione e di contribuire allo sviluppo di Lodi?

Per disegnare il futuro dell’ex Consorzio Agrario può essere utile una riflessione estesa ad un contesto più ampio, che attorno al polo di attrazione rappresentato dalla stazione ferroviaria vede altre aree di grande potenzialità, in attesa di rilancio e riqualificazione.

Si tratta di sfruttare un’ottima occasione per rivitalizzare insediamenti produttivi dismessi e luoghi che hanno perso la loro funzione originale, con modalità che permettano anche di potenziare la dotazione di servizi di interesse generale, a partire da nuovi parcheggi che vengano incontro alle esigenze dei pendolari che utilizzano il treno, liberino le aree residenziali circostanti dall’assedio del traffico e favoriscano la sosta a rotazione per la clientela dei negozi di quartiere e di quelli del centro storico. Un futuro fatto di servizi pubblici, residenze di qualità, luoghi di aggregazione, offerta commerciale diversificata e presidio degli spazi urbani, a soli 20 minuti di treno da Milano.

Vittorio Codeluppi

presidente Asvicom Lodi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.