Questi fatti nulla hanno a che vedere con la politica

Questi fatti nulla hanno a che vedere con la politica

Il sindaco di Sant’Angelo Lodigiano risponde a Lorenzo Guerini

Gentile direttore,

approfitto della Sua testata giornalistica per rispondere, dopo aver letto sul Suo quotidiano le dichiarazioni rilasciate dalla sezione Pd Sant’Angelo Lodigiano, dagli Ultras S.Angelo Calcio e dall’ex sindaco di Lodi oggi Presidente del Cosapir, Lorenzo Guerini, sull’evento “fumogeno” lanciato nelle adiacenze della Sala Girona di Sant’Angelo Lodigiano.

Mi vorrei soffermare su quanto affermato dal Presidente Lorenzo Guerini il quale, dopo tali fatti, avrebbe avuto un colloquio con il Prefetto di Lodi.

Vorrei premettere che i fatti che vengono contestati dal Presidente del Cosapir nulla hanno a che vedere con la politica come invece la sezione del partito di appartenenza di Guerini vorrebbe sostenere e pertanto contesto fortemente l’assunto secondo il quale il Paese che amministro sarebbe un paese antidemocratico dove si “ostacola lo sviluppo di un dibattito politico aperto e sereno.

Sul punto, vorrei chiedere al Presidente Guerini se, nella sua qualità di ex sindaco, quando amministrava Lodi concedeva l’uso di sale comunali a quei partiti (di opinione opposta alla Sua) che gli chiedevano l’utilizzo per scopi politici o culturali. Concedeva l’uso o non lo concedeva? Ritengo che la risposta sia ovvia, se sussistevano tutte le condizioni previste dai regolamenti la sala l’avrebbe concessa.

Ebbene, questo è quello che ha fatto il sottoscritto in tutti questi anni e proseguirà a farlo.

Pertanto concedere ad un partito politico come CasaPound un bene comunale non può essere considerato avallare quell’ideologia politica, che ripeto per l’ennesima volta, non appartiene allo scrivente ed alla propria amministrazione; così pure concedere la possibilità di manifestare liberamente (previa autorizzazione della Prefettura) a Forza Nuova il proprio dissenso politico per la presenza di un parlamentare del Pd, l’on. Fiano, non mi pare “ostacolare lo sviluppo di un dibattito politico.

E proprio su tale serata vorrei evidenziare al Presidente Guerini che, nonostante fossero stati invitati in quanto organizzatori, nessuno esponente del Pd Comunale si è presentato alla riunione sulla organizzazione dell’evento richiesta dalla Prefettura in paese il giorno prima dell’evento e solo lo scrivente quindi ha partecipato e coordinato l’organizzazione della manifestazione. Come considera questo mio atteggiamento? È’ un ostacolo al dibattito politico?

E mi faccia evidenziare, la sera della serata organizzata dal Pd nel Castello di Sant’Angelo Lodigiano alla presenza dell’Onorevole Fiano, nella città si sono svolti in contemporanea tre eventi ubicati in un raggio d’azione di 600 metri; in particolare, nella sala congressi della Banca Popolare veniva presentato un libro in onore di un cittadino di Sant’Angelo Lodigiano, in Piazza Caduti vi era Forza Nuova che manifestava ed in Castello vi era l’On. Fiano. Tutto si è svolto nel rispetto della democrazia e libertà di opinione e di pensiero; nessun incidente o scontro si è avverato; ma soprattutto la città non era “blindata” l’Autorità di controllo era presente con due automezzi.

Richiamare poi altri fatti intercorsi che hanno “avuto riflessi nella vita privata” non ha nulla a che vedere con la Politica, infatti, come i Suoi esponenti cittadini avrebbero dovuto riferirLe, in quanto sono stati messi a conoscenza, un assessore della mia coalizione si è trovato la cancellata che delimita la propria abitazione divelta, mentre il capogruppo si è trovato scritte ingiuriose sul muro di cinta della propria abitazione ed una bomba carta che ha tentato di rovinare il muro stesso, chi scrive poi ha ricevuto minacce di morte anche attraverso facebook e si è trovato la propria autovettura graffiata su tutti i lati della stessa.

Nessuno di tali esponenti però ha mai pensato ad un “attacco politico; ma, purtroppo, tali fatti, che “hanno riflessi nella vita privata” vengono attribuiti a quell’inciviltà che alcuni giovani del Paese, forse troppo annoiati e lontani dall’oratorio, compiono per avere nel loro “gruppo di appartenenza” quella posizione di privilegio rispetto agli altri componenti. Ragazzi, che, tuttavia, sono presenti in ogni città. Ma, ripeto, nulla di quanto appena esposto, ha a che fare con la politica.

Ritornando alla questione “fumogeno” è evidente che questo incidente deve essere classificato come un errore, non solo perché i ragazzi che stavano festeggiando hanno chiesto immediatamente scusa di quanto hanno fatto; ma soprattutto perché, per espressa dichiarazione degli esponenti della sezione del PD, nessuno sapeva che quella sera c’era la riunione del partito per due motivi, non c’erano bandiere che indicavano la presenza di un partito politico presso la sala Girona e le porte della struttura erano chiuse. È’ evidente quindi che la versione offerta dai ragazzi che stavano festeggiando un compleanno, confermata dal gestore del bar adiacente alla sala Girona e dall’Autorità Giudiziaria sia quella più vicina alla realtà.

Concludendo, chi scrive è Sindaco di Sant’Angelo Lodigiano ed è Sindaco di tutti i cittadini, quanto viene periodicamente ripetuto dagli esponenti locali del Suo partito lede non solo lo scrivente ma tutta la popolazione barasina la quale si trova esposta a ingiustificate notizie giornalistiche che creano un inutile scalpore che porta a classificare Sant’Angelo Lodigiano come una città antidemocratica ed illiberale dove regna l’insicurezza.

Questo atteggiamento non lo condivido perché danneggia l’onore dei barasini ma anche l’esercizio delle attività commerciali presenti in città; imprenditori che grazie al loro impegno ogni mattina aprono il proprio locale per amore del Paese ed invece vengono additati come cospiratori o eversivi perché nei loro locali a detta della sezione locale del Suo partito, entrerebbero delle persone “poco raccomandabili.

Comunico, quindi, al Presidente di Cosapir che il mio ufficio in Comune è sempre aperto e se l’on.Lorenzo Guerini vorrà venire a trovare il sottoscritto, chi scrive sarà ben lieto di ospitarlo e di spiegare e rammostrare che S.Angelo Lodigiano è una città che rispetta le opinioni altrui così che possa poi riferirlo ai propri militanti e finalmente si potrà mettere la parola fine alle notizie che periodicamente la sezione Pd di Sant’Angelo diffonde attraverso la stampa locale.

Maurizio Villa - sindaco di Sant’Angelo Lodigiano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.