Istat, popolazione: 2017 a crescita lenta, il saldo è in attivo per i nuovi stranieri
Scene di vita quotidiana nel centro di Lodi

Istat, popolazione avanti piano: è un Lodigiano a crescita lenta

Nel 2017 il numero dei residenti è tornato a crescere, sia pur di poco, sfiorando quota 230mila. Grazie ancora agli stranieri

La popolazione del Lodigiano sfiora ma non raggiunge ancora quota 230mila. È tornata però a crescere, complice soprattutto una ripresa del saldo migratorio dall’estero. Il dato emerge dal bilancio demografico annuale dell’Istat relativo al 2017, pubblicato come di consueto a meta giugno, sui dati provenienti dalle anagrafi comunali e opportunamente elaborati.

Al 1° gennaio scorso i residenti nei 60 comuni della provincia (ma per l’Istat sono ancora 61, avendo il report considerato i centri di Cavacurta e Camairago ancora come entità amministrative separate) erano 229.765, contro i 229.338 registrati alla stessa data dell’anno precedente, con un incremento di 427 unità, pari allo 0,18 per cento.

Complessivamente, l’Istat attribuisce alla provincia di Lodi 97.140 famiglie, ben 426 in più rispetto all’anno precedente. E in famiglia vivono 228.374 persone. Le donne, in grazia alla maggior longevità, continuano a essere più numerose degli uomini: 116.410 contro 112.928. I ritorno al segno “+” del bilancio è come detto però sostanzialmente merito della popolazione straniera, che dopo la flessione del 2016 è tornata a crescere nel corso del 2017 di 555 unità, raggiungendo quota 27.032 persone, pari all’11,7 per cento dei residenti totali nel Lodigiano.

Le culle nel Lodigiano sono sempre più vuote

Le note dolenti vengono dal saldo naturale, costantemente negativo, oltre tutto in termini peggiorativi, da -208 a -358. Il 2017 ha infatti registrato meno nascite e un maggior numero di decessi. I fiocchi azzurri sono stati 992, i fiocchi rosa 889, per un totale di 1.881: un anno fa erano stati 1.949. Le morti hanno invece superato quota 2.200 (2.239) contro le 2.157 del 2016. La crescita “lenta”, seppure in ripresa, si spiega anche così.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.