Alta pressione fino a giovedì poi stop al caldo africano

Alta pressione fino a giovedì poi stop al caldo africano

«L’alta pressione a grandi linee continuerà ad interessare l’Italia fino alla fine del mese determinando tempo stabile e soleggiato, se si eccettua una breve e marginale parentesi instabile in esaurimento entro martedì - a dirlo è il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera, che aggiunge – il caldo africano subirà invece una battuta di arresto a partire da venerdì quando arriverà una perturbazione più organizzata e le temperature caleranno in maniera anche decisa».

Fino a giovedì continuerà a fare caldo ed il tempo sarà perlopiù soleggiato; tuttavia rispetto ai giorni precedenti le temperature subiranno una lieve flessione entro martedì quando una veloce perturbazione diretta verso i Balcani porterà qualche fenomeno su Alpi, Nord Est, dorsale specie adriatica. Proprio nella giornata di giovedì ci saranno i primi segnali di un cambiamento; l’alta pressione infatti inizierà a cedere sotto l’incalzare di una perturbazione in arrivo dalla Francia. Le prime precipitazioni riguarderanno i settori di Nord Ovest, specie Alpi e prealpi e si stenderanno qua e là anche alle pianure. Le temperature saranno ancora sopra le medie del periodo ma il caldo sarà meno intenso rispetto ai giorni scorsi con massime in genere comprese tra 28 e 33°C, punte ancora di 34-35°C su tirreniche e Sardegna.

Da venerdì, con l’ingresso della parte più attiva della perturbazione, arriveranno delle preziose precipitazioni in particolare al Nord e sulle Tirreniche mentre il sopraggiungere di aria più fresca porterà un deciso calo delle temperature sulle regioni centro settentrionali. «Il caldo invece sarà confinato sempre più al Sud ma anche qui i venti da Nord spazzeranno la prolungata canicola di questa lunga estate entro il prossimo fine settimana» concludono da 3bmeteo.com.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.