Il cabaret “alla lodigiana” conquista la Canottieri
Bignami e Rossi (foto Gaudenzi)

Il cabaret “alla lodigiana” conquista la Canottieri

Applausi e pienone domenica al circolo sull’Adda per Bigno Bignami, Franco Rossi e Paolino Boffi

«Non ho voglia di salire sul palco, e poi io non ho nemmeno la tessera della Canottieri, non posso!». L’introduzione ironica di Franco Rossi è la scintilla che scatena una serata a suo memorabile. Perché con l’attore finto depresso, “stufo” di aspettare questa notte dal 28 luglio, quando venne rinviata per maltempo, ci sono tantissime persone. Come tantissimi sono stati gli applausi che hanno accompagnato “Birobò”, lo show comico ha visto protagonisti Bigno Bignami, lo stesso Rossi e Paolino Boffi nel primo spettacolo di “Lodi al Sole” andato in scena alla Canottieri Adda.

Un esordio con i fiocchi. Nel quale i tre cabarettisti i primi a divertirsi, scherzando tra loro e coinvolgendo il pubblico con una sequela di sketch e gag una via l’altra, come in famiglia, tra continui riferimenti a luoghi e personaggi cittadini ben conosciuti, popolari. E l’utilizzo del dialetto, nella maniera più naturale, spontanea, quotidiana: un sano cabaret, insomma, alla lodigiana.

Paolino Boffi

Lo show si è protratto fino a ridosso della mezzanotte, gli echi udibili fin oltre il fiume, tra gag e canzoni, travestimenti, imitazioni e irresistibili quadretti coniugali. E tutti, alla fine, se ne sono tornati a casa con il sorriso sulle labbra, e dentro il cuore. Mentre la Canottieri, apertasi alla città, festeggia il buon debutto e dà l’appuntamento al bis, sabato 31 agosto, quando i riflettori si accenderanno sui “trasformismi” del cantante Michele Tomatis, ideatore di uno spettacolo unico nel suo genere, tra musica live, videoproiezioni e repentini cambi di costume.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola martedì 13 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.