Su Lodi al Sole brilla la luce di Anelli
Simone Anelli domenica scorsa in concerto (foto Borella)

Su Lodi al Sole brilla la luce di Anelli

Applausi domenica per il concerto del giovane pianista della Gaffurio

È nata una stella? Presto per dirlo, ma una cosa è certa: se il buongiorno si vede dal mattino, l’orizzonte per Simone Anelli promette di essere roseo. Per ulteriori informazioni, chiedete pure al folto pubblico che, domenica sera, ha gremito piazza Broletto per il secondo appuntamento del ciclo “Un pianoforte sotto le stelle”, organizzato dall’Accademia Gaffurio nell’ambito di Lodi al Sole. Un concerto nel quale gli spettatori hanno tributato lunghi e calorosi applausi in onore del giovane musicista lodigiano, capace di muoversi con grande abilità sui componimenti di alcuni dei più celebri interpreti della musica romantica.

Talento formato nella fucina dell’accademia musicale lodigiana, Anelli, che ora sta continuando gli studi di pianoforte e composizione al Conservatorio G. Verdi di Milano , ha incantato con un repertorio che dalle “Variations sérieuses” di Mendelssohn ha condotto il pubblico fino all’“Etude op. 10, n. 12” di Chopin, affrontando con tecnica, compostezza e carisma altre pagine memorabili della grande musica di tutti i tempi.

Gli applausi ad Anelli

Non solo. Oltre alla tempra e a una tecnica eccellente, Anelli ha dimostrato anche una buona dose di disinvoltura, come durante l’esecuzione della Vallée d’Obermann” di Liszt, quando con “nonchalance” da artista consumato si è permesso di portarsi indietro il ciuffo con una mano mentre l’altra correva sulla tastiera. Lampi di fuoriclasse, in un concerto da applausi, come quelli spesso fragorosi che ne hanno accompagnato tutta l’esibizione. E sulla notte di Lodi, è tornato a splendere il sole del talento.

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola martedì 16 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.