Matte? No, disperate: le madri adottive salgono sul palco

Matte? No, disperate: le madri adottive salgono sul palco

Venerdì sera a Casale la brillante pièce d Tobia Rossi

Aveva promesso un cartellone “in rosa”, il teatro Carlo Rossi di Casalpusterlengo, per la stagione 2018/2019. E lo spettacolo in programma venerdì 18 gennaio alle ore 21 ha tutta l’aria di rispettare lo spirito della rassegna. Il titolo, infatti, è tutto un programma: dietro all’acronimo di M.A.D. si celano infatti le Madri Adottive Disperate, le protagoniste della pièce di Tobia Rossi che promette una serata scintillante.

Sul palco, per la regia di Patricia Conti, saliranno Dominique Evoli, Paola Giacometti e Margò Volo. «Parliamo di un tema poco trattato ovvero il tema delle adozioni ed il rapporto che c’è tra madre e figlio adottato, oltre che tra madri, diciamo “biologiche”, e madri adottive - spiega Paola Giacometti -. In scena ci sono due madri adottive ed una biologica e non si può nascondere che esista un certo pregiudizio, per non dire discriminazione, tra chi è madre naturale e chi invece è ricorsa all’adozione. Anche perché le madri adottive si pongono ancora più domande su di un figlio problematico».

Il tema delicato verrà comunque affrontato con «taglio ironico e leggero: alla fine il nostro spettacolo resta pur sempre una commedia», assicura Giacometti. Che pure, avverte, oltre ai sorrisi strapperà anche qualche lacrimuccia di commozione. Nella speranza di ripetere i successi già riscontrati: «Abbiamo sempre ottenuto un ottimo riscontro di pubblico: molte madri di associazioni di genitori adottivi presenti al nostro spettacolo si sono ritrovate in quanto narrato, perché c’è tanto vissuto, perché si unisce il dramma alla commedia, come è poi del resto la vista stessa».

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de Il Cittadino di Lodi in edicola venerdì 18 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.