“Cita a ciegas”, appuntamento con Gioele Dix tra fato e Borges
Gioele Dix in un’immagine di scena di “Cita a ciegas” tratto da un testo del drammaturgo argentino Mario Diament

“Cita a ciegas”: l’appuntamento con Gioele Dix tra il fato e Borges

Mercoledì lo spettacolo di prosa al teatro alle Vigne di Lodi

Un uomo cieco dall’aspetto distinto e un po’ annoiato è seduto su una panchina di un parco a Buenos Aires. Su questa scena si apre la commedia Cita a ciegas (letteralmente “Appuntamento al buio”) dello scrittore e drammaturgo argentino Mario Diament, questa sera al teatro alle Vigne in un allestimento diretto da Andrée Ruth Shammah e interpretato da Gioele Dix nel ruolo del protagonista. L’uomo cieco che si gode il fresco del mattino su una panchina del parco è un famoso scrittore e filosofo, un personaggio chiaramente ispirato all’autore argentino Jorge Luis Borges. Dagli incontri casuali (o solo apparentemente tali) con alcuni passanti che si siedono uno dopo l’altro sulla panchina scaturisce un thriller appassionante, un avvincente intreccio di relazioni in cui serpeggiano amore, violenza, inquietudine e comicità.

Lo spettacolo è un intreccio tutto basato sui dialoghi, attraverso i quali si rivelano poco a poco legami inaspettati e sorprendenti tra i personaggi, che si trovano a raccontare i lati più nascosti della loro personalità all’uomo cieco, che, proprio perché non vede, sa ascoltare, immaginare, percepire quello che sfugge a prima vista.

Cita a ciegasè il testo di Mario Diament più rappresentato al mondo: considerato il capolavoro del drammaturgo argentino, è stato per cinque anni in cartellone a Buenos Aires e in molti teatri in Sud America e negli Stati Uniti. In Europa è stato rappresentato a Parigi, Stoccolma e in Ungheria, mentre in Italia il merito della scoperta di questa commedia è della regista del teatro Franco Parenti, che ne ha curato anche la traduzione e l’adattamento.

Una prova impegnativa per Gioele Dix, che ha dichiarato: «Per la prima volta interpreto il ruolo di un non vedente, ho esplorato un mondo che non conosco, bisogna concentrarsi soprattutto sull’ascolto e sulle parole».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti ( 0 ) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito . I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati.